Altri guai per Sala dopo Expo

Altri guai in vista per Giuseppe Sala. Questa volta sotto accusa ci sarebbe la casa al mare, la campagna di Tugullio. Una casa dalle linee essenziali, affacciata sul golfo e costruita in una zona tutelata dalla Sovrintendenza di Beni ambientali. Il problema è che questa villa, è stata progettata da alcuni architetti di Expo, che hanno anche avuto appalti, per realizzare diverse opere all’interno dell’Esposizione Universale. Infatti, secondo quanto riportato dal “Giornale”, a lavorare in maniera parallela tra Expo e Villa di proprietà del dirigente  sarebbero stati Matteo Gatto, architetto padre del master plan di Milano e Michele De Lucchi, il quale ottenne tre incarichi senza alcuna gara di appalto. Il primo riguarda ” il supporto specialistico alla redazione del concept del padiglione Zero ” nel 2012, per un importo pari a 39.500 €.  Poi gli viene affidato ” servizi di progettazione relativi al concept della proposta di icona itinerante “, importo di 20.000 € e infine, nel gennaio 2013 la realizzazione di Agorà per 39.000 €.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

 

Fonte: il Giornale

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti