Now reading
Bce alza le stime sull’inflazione. Slitta l’ok per la Grecia

Bce alza le stime sull’inflazione. Slitta l’ok per la Grecia

Nella riunione del Consiglio direttivo di questa mattina la Bce non è arrivata a nessuna nuova decisione ma, per la prima volta da un anno, ha annunciato una leggera revisione al rialzo della stima dell’inflazione per il 2016. Una prova, ha dichiarato Mario Draghi, che le misure adottate dalla Bce sono efficaci.

Per quest’anno infatti il dato è stato portato allo 0,2% dallo 0,1% stimato a marzo. I dati per il 2017 e il 2018 invece sono stati lasciati rispettivamente all’1,3% e all’1,6%.

Si tratta di una variazione marginale, ma è fondamentale ricordare che a marzo l’Eurotower si era vista costretta a una revisione drastica di questo stesso dato: passando dall’1% stimato a dicembre 2015 allo 0,1%. Questa revisione dell’inflazione potrebbe quindi essere il segnale della tanto attesa svolta sui prezzi.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Poco prima della riunione, la Banca Centrale ha annunciato che il nuovo programma di acquisti di bond societari avrà inizio l’8 giugno. La prima operazione delle nuove quattro Tltro invece (aste condizionate al finanziamento di famiglie e imprese) si terrà il 22 giugno.

Per il resto, il presidente Draghi ha invitato di nuovo alla pazienza, pur ricordando che la Bce è pronta a intervenire, con qualsiasi strumento, previsto se lo scenario di bassa inflazione iniziasse a farsi sentire sui meccanismi di fissazione di prezzi e salari.

Nel corso della riunione si è discusso anche della Grecia, ma non sono state prese decisioni. La Bce è infatti in attesa che le Autorità coinvolte nell’erogazione della nuova tranche di aiuti (approvata a fine maggio) verifichino l’attuazione delle misure concordate.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti