Now reading
Beau Solomon è annegato. L’autopsia rivela acqua nei polmoni.

Beau Solomon è annegato. L’autopsia rivela acqua nei polmoni.

Beau Solomon, il ragazzo ritrovato nel Tevere, è morto per annegamento. È quello che emerge dall’autopsia effettuata presso l’Istituto di medicina legale de La Sapienza.

Il ragazzo (19 anni), scomparso giovedì scorso e ripescato senza vita lunedì nel Tevere, era ancora vivo quando è stato spinto nel fiume, come dimostra l’acqua trovata nei suoi polmoni durante l’autopsia, e le ferite trovate sulla testa sono con tutta probabilità dovute ai massi che, proprio all’altezza di Ponte Garibaldi, dove Solomon è caduto nel Tevere, affiorano dall’acqua provocando delle rapide.

I medici hanno effettuato vari esami tossicologici, anche per avere certezza che Solomon, arrivato a Roma dal Wisconsin per frequentare due semestri alla John Cabot University, come detto da alcuni testimoni, fosse ubriaco al momento dell’omicidio. Ma per avere tutti i risultati ci vorrà qualche giorno.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Stamattina i genitori del ragazzo sono stati ricevuti da papa Francesco prima dell’udienza nell’Aula Paolo VI con i pellegrini provenienti da Lione. Bergoglio ha “manifestato loro i sentimenti della più viva partecipazione e compassione, e la sua vicinanza nella preghiera al Signore per il giovane così tragicamente scomparso”.

Fermato un senzatetto. Si tratta di Massimo Galioto, 40 anni e senza fissa dimora. L’uomo vive insieme ad altri disperati sotto ponte Garibaldi in una vera e propria bidonville nel cuore della città. Secondo la ricostruzione degli inquirenti Solomon era stato derubato della carta di credito da due persone che lo avevano convinto a seguirli sulla banchina del fiume all’una della notte di venerdì. Alcuni testimoni hanno riferito alla polizia che Solomon era visibilmente ubriaco.

Fonte: repubblica.it

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti