Now reading
Breve guida ai Prestiti Inpdap con le Info Utili essenziali

Breve guida ai Prestiti Inpdap con le Info Utili essenziali

I prestiti Inpdap necessitano di un piccolo cenno storico. Col cosiddetto ‘decreto Salva Italia’ del 2011, l’ex ente previdenziale per dipendenti pubblici, INPDAP appunto, fu soppresso e tutte le sue mansioni furono trasferite all’INPS, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

La forza dell’ex ente previdenziale era quella di fornire prestiti a condizioni agevolate ai dipendenti pubblici. Le somme venivano distribuite tramite l’ente stesso o istituti di credito con esso convenzionati.

Requisiti per accedere ai Prestiti INPDAP

Requisito necessario per goderne quindi tutt’ora è essere registrati presso l’Inps alla sezione Gestione Dipendenti Pubblici. Ad oggi quindi sarà l’Inps a occuparsi del riconoscimento dello status per beneficiare di tali prestiti e ad elargirli tramite le sue strutture o Istituti Bancari riconosciuti. Il richiedente farà domanda telematica sul sito dell’Inps e verrà valutato in base alla sua prestazione sociale e creditizia presso l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale.

Le tipologie di prestiti INPS ex INPDAP

I principali tipi di prestiti Inpdap venivano o possono venire tutt’ora concessi dall’Inps in base all’esigenza e all’eventualità per cui se ne fa richiesta:

  • piccoli prestiti
  • prestiti pluriennali diretti,
  • prestiti pluriennali garantiti

I piccoli prestiti INPDAP

I piccoli prestiti riguardano spese non previste dovute a urgenze. Restituibile in 4 anni a tasso agevolato rispetto agli istituti bancari, l’importo minimo dovrà essere coperto da una mensilità di stipendio o di pensione, retribuzioni che determineranno durata e somme. Non sono necessarie documentazioni di spesa.

I prestiti pluriennali diretti

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

I prestiti pluriennali diretti vengono concessi in caso di investimenti personali o familiari, sono restituibili dai 5 ai 10 anni e necessitano di garanzie contrattuali a lungo termine per il richiedente (contratto a tempo indeterminato oppure a tempo determinato per un minimo di 3 anni). Al contrario questi devono essere documentati con le spese effettuate.

I prestiti pluriennali garantiti

I prestiti pluriennali garantiti invece sono erogati contro il rischio di decesso dell’iscritto prima che abbia estinto il suo debito. Previene il richiedente nel caso cessi di lavorare senza aver maturato il diritto alla pensione o nel caso di riduzione dello stipendio. Non necessita di documentazione delle spese, ha durata a lungo termine e prevede la dimostrazione di un certificato medico di sana e robusta costituzione. L’attività di servizio minima è di 4 anni.

In caso di mancato adempimento alla restituzione del credito, il richiedente è iscritto al Registro dei Protestati: se entro 5 anni non si provvede al saldo, l’Ente procederà al pignoramento dei beni del richiedente. Verrà cancellato invece in caso di saldo immediato o con proroga se entro i 12 mesi.

I destinatari dei prestiti INPDAP

Tra le info utili sui prestiti inpdap vi sono sicuramente quelle riguardanti le categorie che ne possono beneficiare:

  • i dipendenti e i pensionati pubblici
  • dipendenti della scuola pubblica
  • i dipendenti di Poste Italiane Spa e società a essa collegate
  • i lavoratori ex iscritti Inpdap
  • i pensionati

La restituzione sarà effettuata dall’ Inps o Società Finanziarie impegnate tramite trattenute su stipendi o pensioni a seconda della prestazione richiesta e della situazione creditizia del richiedente.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti