Now reading
Brexit, oggi alle urne 46,5 milioni di britannici

Brexit, oggi alle urne 46,5 milioni di britannici

brexit

Questo sarà il giorno più lungo per l’Europa. La Gran Bretagna è chiamata a scegliere se rimanere o no nell’UE. “Chi è fuori, è fuori, nessun altro compromesso è possibile”, questo il commento minaccioso arrivato da Bruxelles dal presidente della Commissione Jean-Claude Juncker.

Commissione che domani si riunirà in un vertice a quattro con il presidente del Parlamento europeo Schulz, quello del Consiglio europeo Tusk e il primo ministro olandese Rutte nella veste di presidente di turno del Consiglio dell’Ue. In queste ore Juncker sta facendo consultazioni con i leader europei. Tensione anche sui mercati: in caso di Brexit si teme il “venerdì nero” della sterlina, ma anche delle Borse del Vecchio Continente.

Intanto sono già andati alle urne i due esponenti di spicco della campagna a favore del “Remain”. Il premier David Cameron, insieme alla moglie Samantha, si è recato al seggio a Londra e ha poi twittato: “Votate Remain, così i nostri figli e nipoti avranno un futuro più brillante”.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Anche il leader laburista Jeremy Corbyn è andato a votare a Islington a favore della permanenza nell’Unione e ha subito esternato il suo voto su Twitter: “Ho appena votato Remain. L’Ue offre il miglior quadro per rispondere alle sfide dei nostri tempi”.

Sul fronte opposto del “Leave”, il leader del partito Ukip Nigel Farage è arrivato al seggio in completo grigio: sul profilo Twitter del partito è comparso l’invito agli elettori a seguire il suo esempio. Farage, infatti, ha dichiarato che l’esito del referendum dipenderà in molto dall’affluenza alle urne.

Fonte: repubblica.it

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti