Now reading
Calcolo Prestito Inpdap: le tabelle 2017 finanziamenti pluriennali

Calcolo Prestito Inpdap: le tabelle 2017 finanziamenti pluriennali

Calcolo del prestito Inpdap pluriennale seguendo le nuove tabelle 2017: ecco la simulazione per la rata e i requisiti necessari per ottenerlo.

Chi può richiedere un prestito pluriennale Inpdap?

L’ex Inpdap mette a disposizione di tutti i dipendenti pubblici finanziamenti pluriennali (durata tra 5 e 10 anni) a tasso agevolato.

Essi devono dimostrare il possesso di alcuni requisiti:

  • 4 anni di contributi versati
  • 4 anni di anzianità
  • contratto a tempo indeterminato

Le tabelle dei tassi previsti, sono stati aggiornate al 2017: vediamo assieme che tassi vengono applicati e delle simulazioni di calcolo rata.

Calcolo prestito Inpdap: alcune simulazioni

Va precisato che in ogni caso, la rata viene calcolata in base alla pensione o lo stipendio, e non potrà superarne il quinto della paga.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Il tasso di interesse fisso previsto nel 2017 è del 3,50% annuo, ma ad esso vano aggiunte quote di spese per il fondo rischi e per la gestione.

Minimo richiedibile: 5.000 euro

  • Età tra 18 e 59 anni
  • Rata minima di restituzione anche inferiore a 50 euro
  • Spese totali per tasso di interesse: 21 euro
  • 25 euro di spesa amministrativa

6.000 euro:

  • Restituiti a partire da 60 rate mensili
  • Rate da circa 115 euro mensili
  • TAN del 3,50 % annuo
  • 100 euro per spese di amministrazione e fondo garanzia

20.000 euro:

  • Rata di circa 220 euro al mese
  • Tasso di interesse (spese totali) di 90 euro
  • 160 euro per spese di amministrazione

Massimo richiedibile: 30.000 euro

  • Da rimborsare entro massimo 120 mesi (10 anni)
  • Per un giovane lavoratore: circa 500 euro per il fondo garanzia e 130 euro per spese amministrative
  • Per i lavoratori pubblici oltre i 60 anni, le spese amministrative sono le stesse, ma quelle destinate al fondo garanzia sono oltre i 1.000 euro.

In tutti i casi la richiesta della somma dovrà essere motivata. Alcune valide ragioni per l’Inps sono ad esempio l’acquisto per una vettura, per una nuova casa o l’estinzione totale del mutuo.

 

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti