Camusso contro referendum jobs act

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Susanna Camusso, leader di Cgil, interviene così sul fronte referendum per il Jobs Act: ” Il senso” della Carta dei diritti dei lavoratori proposta dalla Cgil” non è fare un referendum abrogativo del jobs act. Questa è la nostra proposta, poi possiamo anche pensare alla singola abrogazione di norme, ma la pura abrogazione non determinerebbe quel risultato che noi vogliamo e che è la ridefinizione delle tutele universali e dei diritti ” E ancora: ” Ci proponiamo un intervento molto più radicale che non l’ultima legge del governo, non crediamo sia utile essere schiacciati su polemiche dell’ultimo periodo, ma vogliamo dare alla proposta un senso più generale e complessivo “. La Camusso è intervenuta anche sulla proposta di Renzi di licenziare i “fannulloni”, dicendo : ” le regole per licenziare i cosiddetti fannulloni ci sono già: mi piacerebbe che il governo dicesse perché non funzionano. Sennò, è una campagna, si chiama propaganda “.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti