Now reading
Commissione Europea dall’ok per la garanzia pubblica per supporto alle banche italiane

Commissione Europea dall’ok per la garanzia pubblica per supporto alle banche italiane

L’Italia ha chiesto alla Commissione europea di autorizzare una fornitura di liquidità a sostegno alle banche, richiesta che ha già ottenuto l’approvazione. Lo ha reso noto la portavoce dell’Antitrust, che si occupa degli aiuti di Stato.

Si tratta di uno schema di garanzie valido fino al 31 dicembre 2016 che copre le banche solventi. La portavoce ha spiegato che l’Italia ha notificato questa misura, che può essere attivata per fronteggiare eventuali turbolenze di mercato, per ragioni precauzionali e che «non c’è l’aspettativa che emerga la necessità di usarlo».

La decisione della Commissione è stata presa basandosi su delle “linee guida” sugli aiuti di stato alle banche durante la crisi del 2013. Bruxelles ricorda che schemi di questa natura sono attualmente operativi in diversi Stati. Il fatto che l’Antitrust non si aspetti che l’Italia abbia bisogno di ricorrere effettivamente allo schema per il sostegno alla liquidità delle banche solventi (che durerà fino al 31 dicembre) si basa sui fatti.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Lo strumento degli schemi pubblici di garanzia per la liquidità è stato molto usato nel corso della lunga crisi finanziaria. L’Italia si trova adesso in una ristretta compagnia: secondo quando indicano fonti comunitarie, uno schema analogo è in vigore in Grecia, Portogallo e Polonia.

L’obiettivo è quello di stabilizzare in maniera temporanea il passivo dello stato patrimoniale delle banche. Non essendoci un problema di capitale, le misure di sostegno non devono essere precedute dalla notifica di un piano di ristrutturazione.

Un piano di ristrutturazione, però, dovrà essere presentato alla Commissione europea entro due mesi se l’importo totale delle passivita’ garantite (incluse le garanzie concesse prima della data di tale decisione) “e’ superiore sia al 5 % delle passivita’ totali che a un importo totale di 500 milioni di euro”.

Fonte: ilsole24ore.com

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti