Now reading
Conto deposito: un’ottima soluzione di risparmio anche secondo gli esperti

Conto deposito: un’ottima soluzione di risparmio anche secondo gli esperti

La crisi e l’incertezza lavorativa di questi anni hanno portato alla luce una crescente esigenza di risparmio. L’attenzione a questo aspetto è fondamentale per le famiglie che vogliono arrivare a fine mese. Gli esperti parlano chiaro: il conto deposito è una validissima soluzione al proposito. A ricordarlo ancora una volta ci ha pensato Il Sole 24 Ore, con un articolo su questi strumenti che, tra le righe, invita anche a fare attenzione al rating bancario.

Conti deposito: sì, ma attenzione alla solidità dell’istituto di credito

Il conto deposito, soprattutto se garantisce un tasso attorno all’1% annuo, è una soluzione di risparmio molto performante. Gli editorialisti de Il Sole 24 Ore, parlando di questo importante tema sulle pagine dell’autorevole quotidiano finanziario, hanno però portato alla luce l’importanza di controllare, prima di aprire il conto, il rating della banca che si vuole prendere come riferimento.

L’attenzione a quest’ultimo aspetto spiega, secondo gli esperti, il successo di prodotti come il Conto Arancio di ING DIRECT, un’alternativa proposta da un vero e proprio colosso della finanza e in cima alle preferenze degli utenti che, in Italia, aprono dei conti deposito.

Conto di deposito vs conto corrente tradizionale: la chiave del successo

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Quando si mette in atto un confronto tra conto deposito e conto corrente tradizionale cercando di capire i motivi del successo della prima opzione. In questi casi bisogna soffermarsi sull’aspetto della semplicità di utilizzo. Il conto deposito viene aperto in pochi minuti e, subito dopo l’apertura, è possibile depositare una somma di denaro, scegliendo se vincolarla o meno. A differenza di quanto accade con il conto corrente tradizionale, alla fine del vincolo si potrà avere una remunerazione, anche se non altissima.

Degna di nota è anche la questione della sicurezza. I conti deposito, se hanno giacenze inferiori a 100.000€, sono sottoposti alla garanzia del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, che assicura la tenuta di tutti i prodotti con giacenze inferiori alla cifra sopra ricordata.

Conti deposito e inflazione: ecco cosa sapere

Aprire un conto deposito e investire in liquidità significa fare i conti con l’inflazione, soprattutto se si sceglie un vincolo inferiore ai 12 mesi. In questi ultimi periodi, considerando che l’inflazione è praticamente a zero, il problema non sussiste, in quanto l’interesse non è sottoposto ad alcuna svalutazione ma, alla fine del vincolo, non risulta differente dalle promesse iniziali.

Accrescere il capitale a rischio ridotto: ecco perché scegliere i conti deposito

Gli esperti sono concordi nel definire il conto deposito una valida alternativa per far crescere il proprio capitale a rischio ridotto. Per quale motivo? Perché lo scenario attuale offre BoT con tasso negativo, il che non è affatto positivo per chi punta a investire a breve termine, considerando i titoli di Stato dei Paesi protetti dallo scudo BCE.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti