Now reading
Garanzie Conti Correnti a Rischio: cade la soglia di garanzia di 100.000 euro

Garanzie Conti Correnti a Rischio: cade la soglia di garanzia di 100.000 euro

conti correnti

L’Unione Europea sta in questi giorni delineando le nuove regole per quanto concerne il grado di coinvolgimento dei risparmiatori italiani ed europei alle eventuali perdite del proprio istituto di credito. Più diritti e doveri non solo per i cittadini, ma anche per le singole banche e gli Stati.

Perché le garanzie conti correnti sono a rischio?

Nel caso in cui le nuove normative stabilite dall’Unione Europea dovessero essere approvate, a rischiare sarebbero anche i risparmiatori con conti correnti con depositi più contenuti che, attualmente, non sono coinvolti nel ripianare le perdite di una banca in fallimento.

Inoltre, sotto la spinta della Germania, l’esecutivo comunitario potrebbe far venir meno le garanzie conti correnti aperti presso gli istituti di credito, nello specifico la soglia di garanzia di 1000.000 euro. Qual è il motivo di tale scelta? La ragione che sta alla base della creazione di un sistema unico di garanzia dei depositi sta nell’indisponibilità di Bruxelles a ripianare le perdite degli istituti nazionali.

Garanzie Conti Correnti: eliminata la soglia di garanzia 100.000 euro?

Le regole attuali prevedono che, nel caso di crisi accertata della banca, si faccia ricorso al cosiddetto bail in, ossia la procedura di salvataggio interno secondo un preciso ordine di coinvolgimento, che prevede l’esclusione dei correntisti fino a 100.000 euro (quelli protetti dal Fondo di garanzia dei depositi).

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Sono tutelati i seguenti prodotti:

  • conti correnti;
  • conti deposito;
  • libretti di deposito;
  • certificati in deposito.

Inoltre, anche per la parte che oltrepassa la soglia di 100.000 euro, i depositi delle persone fisiche e delle piccole e medie imprese ricevono un trattamento preferenziale.

Invece nel nuovo schema messo a punto dall’esecutivo, la garanzia, ossia la sicurezza dei risparmi depositi, verrebbe eliminata e sarebbero stati individuati due momenti:

  • la riassicurazione in cui il sistema unico fornirebbe liquidità ai fondi di garanzia nazionali con prestiti da rimborsare
  • la co-assicurazione se l’Unione europea coprirà le perdite delle banche senza recuperarle poi dai singoli Stati

L’idea di Bruxelles è che l’Europa, nel caso di crisi bancaria, non sostenga perdite, ma eroghi solo un prestito. L’obiettivo è facilitare una condivisione dei rischi, vincendo le ritrosie tedesche.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti