Now reading
L’Ue difende la sharing economy: imporre divieti solo in casi estremi

L’Ue difende la sharing economy: imporre divieti solo in casi estremi

Questa mattina la Commissione europea ha pubblicato delle nuove linee-guida nel campo della sharing economy. Bruxelles mette in guardia chi cerca di ostacolare un settore in forte crescita, rappresentato da diverse società tra cui spiccano Uber, Airbnb e BlaBlaCar, che nel 2015 avrebbe generato nell’UE un reddito lordo pari a 28 miliardi di euro.

“Coloro che offrono servizi dovrebbero essere obbligati a ottenere autorizzazioni o licenze solo quando strettamente necessarie per raggiungere obiettivi rilevanti di pubblico interesse”. È quanto si legge nella documentazione.

“La messa al bando di una attività dovrebbe essere una misura di ultima istanza. Piattaforme non dovrebbero essere obbligate a chiedere autorizzazioni o licenze quando si limitano a essere intermediari tra il consumatore e chi offre il servizio”. Questa la posizione assunta dalla Commissione europea, mentre nuove società trovano grandi difficoltà nel mettere radici.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

In Francia, ad esempio, i tassisti hanno organizzato diversi scioperi per protestare contro Uber, società che offre il trasporto di persone attraverso il lavoro di privati cittadini. In Svezia la stessa azienda ha deciso di sospendere il servizio di trasporto a metà maggio 2016, in attesa che venissero stabilite regole più chiare e trasparenti. Sono emersi ostacoli anche in Germania, Italia e Spagna.

Nelle linee-guida la Commissione afferma che i governi dei vari Paesi devono trovare un giusto equilibrio tra il rispetto della libera iniziativa e la necessità di proteggere i consumatori.

Per quanto riguarda il fronte fiscale, l’esecutivo comunitario ammette, anche se indirettamente, la difficoltà a imporre tasse e imposte a una attività nell’economia partecipativa, e chiede perciò alle piattaforme che offrono servizi tra privati cittadini di “cooperare pienamente con le autorità nazionali”.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti