Now reading
Pensione anticipata 2017: i nuovi termini di presentazione per i lavori usuranti

Pensione anticipata 2017: i nuovi termini di presentazione per i lavori usuranti

La Legge di Bilancio 2017 ha fissato dei nuovi termini per la presentazione delle domande per l’accesso ai benefici previdenziali dedicati ai lavoratori che svolgono lavori ritenuti usuranti. Dal 2018 infatti la domanda per la pensione anticipata relativa ai lavori usuranti si dovrà presentare entro il 1° maggio dell’anno precedente a quello in cui il lavoratore matura i requisiti.

Fermo restando però il termine fissato al 1° marzo per quanti hanno maturato i requisiti necessari per l’accesso alla pensione nel corso del 2017. Vediamo quindi quali sono le scadenze per la presentazione della domanda della pensione.

Riforma pensioni: le nuove scadenze per la domanda di pensione anticipata

Quanti svolgono lavori usuranti devono presentare la richiesta per l’accesso alla pensione anticipata per l’anno 2018 entro il 1° maggio dell’anno precedente a quello in cui si maturano i requisiti previdenziali e anagrafici per l’accesso alla pensione. Questo in base a quanto stabilito dall’articolo 1 della Legge di Bilancio 2017.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Per accedere alla pensione anticipata nel 2016, invece, i lavoratori che svolgono mansioni usuranti dovevano presentare la domanda entro e non oltre il 1° marzo 2016. Nel caso in cui la domanda di pensionamento venga presentata oltre la scadenza fissata, ossia dopo il 1° marzo, la pensione decorrerà con un ritardo pari a quello con cui viene presentata la richiesta.

In caso di domanda presentata con al massimo un mese di ritardo, la pensione decorrerà con un mese di ritardo. Allo stesso modo se la domanda viene presentata con un ritardo compreso tra uno e tre mesi, la pensione decorrerà con due mesi di ritardo.

Pensione anticipata 2017- 2018: i requisiti per l’accesso al pensionamento

Ricordiamo che la domanda per accedere alla pensione anticipata deve essere trasmessa all’Inps, con allegata tutta la relativa documentazione entro la scadenza fissata per legge. Passando alla questione dei requisiti, la normativa attuale stabilisce che fino al 31 di dicembre del 2017 possono accedere alla pensione anticipata lavori usuranti i soggetti che hanno svolto attività lavorative usuranti per almeno 7 anni nell’ultimo decennio.

Da gennaio 2018 invece per accedere al pensionamento anticipato sarà necessario aver svolto attività usuranti per almeno la metà della propria vita lavorativa. Non saranno inoltre applicati gli adeguamenti alla speranza di vita per i lavoratori che svolgono mansioni usuranti, previsti per il 2019, il 2021, il 2023 e il 2025.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti