Now reading
Pensione anticipata 2017: la Quota 41 non è per tutti. Cosa dice l’Inps

Pensione anticipata 2017: la Quota 41 non è per tutti. Cosa dice l’Inps

notizie riforma pensioni

L’accesso alla pensione anticipata tramite Quota 41 è previsto solo per i lavoratori precoci che si trovano in situazioni di difficoltà. Lo ha chiarito l’Inps, che di recente ha pubblicato una scheda in cui sono riportate le prime indicazioni relative proprio alla Quota 41. Misura previdenziale che, lo ricordiamo, sarà accessibile a partire da maggio 2017.

Potranno beneficiare della misura i lavoratori dipendenti, sia del settore privato che di quello pubblico, e gli autonomi iscritti alle gestioni speciali che possono vantare una contribuzione previdenziale al 31 dicembre del 1995.

Per i lavoratori autonomi è richiesta inoltre la presenza di una contribuzione pari ad almeno 12 mesi per periodi di lavoro effettivo, prima del compimento del 19esimo anno di età.

Pensione anticipata Quota 41: chi può accedere al beneficio a maggio 2017

Oltre a questi requisiti, per accedere alla pensione anticipata tramite Quota 41 è necessario rientrare in uno dei quattro profili di tutela previsti. Ma vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Il primo profilo di tutela interessa i lavoratori che si trovano in stato di disoccupazione a causa di licenziamento, licenziamento per giusta causa o licenziamento collettivo e che non percepiscono più l’indennità di disoccupazione da almeno tre mesi. Rientrano nella tutela anche coloro che hanno concluso il rapporto lavorativo tramite risoluzione consensuale.

Il secondo profilo di lavoratori che hanno accesso alla pensione anticipata tramite Quota 41 è rappresentato invece da quanti assistono da almeno sei mesi un parente di primo grado o il coniuge affetto da handicap grave (ai sensi dell’art. 3, co. 3 della L. 104/1992).

Troviamo poi i lavoratori con una riduzione della capacità lavorativa pari ad almeno il 74%. Tale situazione deve essere accertata dalle commissioni competenti per il riconoscimento dell’invalidità civile.

Hanno infine accesso alla Quota 41 i lavoratori dipendenti che svolgono, in via continuativa e da almeno sei anni, mansioni particolarmente logoranti, lavori notturni o lavori usuranti.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti