Now reading
Pensioni Precoci Oggi: le misure troppo inique e rigide

Pensioni Precoci Oggi: le misure troppo inique e rigide

Pensioni precoci oggi: sono troppe le regole cui i lavoratori con 41 anni di contributi devono sottostare, per poter ottenere la pensione anticipata. Esclusi anche dall’Ape volontario.

Agevolazione per le pensioni dei precoci oggi: a chi è riconosciuta?

Possono accedere al pensionamento anticipato:

  • solo i lavoratori con 41 anni di contributi;
  • lavoratori che dimostrino di aver lavorato, anche in modo non continuativo, per un minimo di 12 mesi effettivi, prima di compiere 19 anni;
  • soggetti che possiedono al 21 dicembre 1995 l’anzianità contributiva.

Gli intoppi per le agevolazioni dei precoci

Il lavoratore precoce che viene individuato dalla legge, spesso non coincide con la figura di lavoratore precoce riscontrato nella realtà.

Se si prende l’esempio di un 60enne con 41 anni di contributi nel 2017 attualmente disoccupato, la legge non prevede alcun tipo di tutela nel concreto. Perché:

  • a 60 anni gli sarebbe troppo difficile, se non impossibile, trovare un nuovo impiego;
  • l’Inps gli declina la richiesta per l’ottava salvaguardia se gli accordi sindacali sono stati siglati dopo il 2011;
  • Non avendo svolto 12 mesi effettivi di lavoro prima dei 19 anni, sulla carta non ha diritto alla pensione anticipata dei lavoratori precoci;
  • l’unica possibilità che gli reste è l’Ape sociale. Non prevede la condizione sopracitata riguardante i 19 anni, ma richiede di aver compiuto i 63 anni.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Quindi per tre anni non potrebbe beneficiare di alcuna agevolazione.

Q41 e i decreti attuativi per il 2017

Risulta quindi che i lavoratori precoci non possono beneficiare dell’Ape volontario, dato che prevede il compimento dei 63 anni.

I 41 anni di contributi possono essere stati maturati anche prima del compimento di tale età. Se non si ha lavorato per un minimo di 12 mesi effettivi prima dei 19 anni, non si è neanche nel raggio dei provvedimenti per lavoratori precoci.

Che il Governo condivida la necessità di un’estensione della Q41, risulta assai difficile.  Già sono presenti ritardi per i decreti attuativi, che avrebbero dovuto essere in vigore dal 1° maggio 2017.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti