Now reading
“Per salvare l’UE abbiamo 6 mesi”: il patto Renzi- Hollande

“Per salvare l’UE abbiamo 6 mesi”: il patto Renzi- Hollande

6 mesi per salvare l’Europa. Nei saloni dell’Eliseo François Hollande e Matteo Renzi concordano sull’urgenza di trovare una risposta alla Brexit, consapevoli della crisi che si è innescata con la vittoria del Leave.

L’onda d’urto venuta da Londra, ragionano il Presidente francese e il premier italiano, deve portare a un’accelerazione su vari fronti europei: non solo tempi stretti per gestire l’uscita di Londra, ma un passo avanti dell’Unione su sicurezza, immigrazione ed economia.

A cena – “andata molto bene”, faranno sapere – si confrontano sulle proposte da portare domani all’incontro con Angela Merkel a Berlino. Vertice considerato cruciale, ancora di più del summit a 27 in programma per martedì a Bruxelles.

Le premesse non sono delle migliori. Hollande ha annunciato il suo viaggio a Berlino mercoledì scorso, pensando di incontrare da solo la Cancelliera. Con la devastante vittoria del Brexit, Merkel ha invece invitato anche Renzi: un’implicita presa d’atto della debolezza dell’asse franco-tedesco.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Il Presidente francese, colto di sorpresa, insieme al premier Manuel Valls (che con Renzi ha un buon rapporto) ha così invitato il capo del governo italiano all’Eliseo per concordare le prossime mosse in un calendario difficile.

Renzi ha la scadenza del referendum a ottobre. La Francia andrà al voto tra 10 mesi e con un Front National in testa ai sondaggi Hollande medita di trasformare la campagna elettorale in una sorta di referendum sulla Ue. Nella Road map per uscire dalla crisi innescata dal Brexit molti interessi convergono tra Roma e Parigi. Si cercano ricette in grado di mettere d’accordo Francia, Italia e Germania.

Sul fronte economico, Roma pensa di poter trovare la quadra proponendo di cambiare le regole relative agli investimenti, autorizzando un incremento percentuale rispetto agli investimenti pubblici 2015 di ciascun Paese da scorporare dal Patto di Stabilità. Fuori dai parametri di Maastricht sarebbero compresi anche gli incentivi statali per gli investimenti privati.

Fonte: repubblica.it

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti