Now reading
Pignoramento conto corrente: Equitalia stop, come funziona dal 1° luglio?

Pignoramento conto corrente: Equitalia stop, come funziona dal 1° luglio?

L’Equitalia dal 1° luglio viene soppressa in base alla legge 225/2016 approvata con la LdB di ottobre 2016. Prenderà il suo posto l’Agenzia delle Entrate – Riscossione.

Pignoramento conto corrente da luglio 2017

C’è da dire che l’Agenzia delle Entrate ha accesso a molte banche dati, riuscendo ad individuare l’eventuale disponibilità sul conto corrente di chi risulta un debitore nei confronti dello Stato. In caso di titolarità di conti correnti molteplici, sarà l’Agenzia a scegliere quale bloccare.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Come funziona il pignoramento del conto corrente in caso di multa non pagata? Il blocco del conto non avviene in modo automatico: l’interessato entro 60 giorni dalla ricezione della cartella esattoriale, deve:

  • pagare
  • contestare
  • richiedere la rateizzazione

Come funziona il blocco del conto?

L’eventuale procedura di pignoramento, in base alla nuova legge, risulta sì più veloce ma anche più tutelante per i contribuenti da un’altra parte. L’Agenzia nella riscossione, non deve attendere il giudizio del tribunale, ma il suo intervento è comunque richiesto, in base alle norme in vigore dal 2005.

Dal 1° luglio in caso di pignoramento, non verranno bloccati tutti i conti di cui una persona fisica o giuridica è titolare: grazie alle banche dati, verrà individuato e bloccato un unico conto corrente che risulti capiente per la riscossione. Con Equitalia invece, il pignoramento comportava il blocco di tutti i conti, creando aloni di disagio soprattutto nel caso delle aziende, che non disponendo più delle proprie risorse, non potevano pagare i fornitori e gli stipendi dei lavoratori.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti