Now reading
Prestiti Inpdap ed Ape: cosa hanno in comune per i pensionati?

Prestiti Inpdap ed Ape: cosa hanno in comune per i pensionati?

Si è parlato molto dell’Ape ultimamente, soprattutto per capire i requisiti per accedervi. Quello che forse non è chiaro, è che si tratta di un prestito vero e proprio, simile ai conosciuti prestiti Inpdap. Ecco perché.

Ape e prestiti Inpdap pensionati

L’Ape è un’iniziativa sperimentale del governo che consente il pensionamento anticipato ai dipendenti pubblici e privati e ai lavoratori autonomi assicurati presso la gestione separata Inps. In particolare:

  • può richiedere l’Ape chi ha 63 anni di età e gli mancano un massimo di 3 anni e 7 mesi al pensionamento ufficiale;
  • l’operazione è richiedibile dal 1 maggio 2017 fino al 31 dicembre 2018.

Perché l’Ape è un vero e proprio prestito

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Chi fruisce dell’Ape, deve rimborsare il denaro ricevuto nel corso del tempo sotto forma di anticipo pensionistico. L’Ape quindi è un vero e proprio prestito, che risulta però più vantaggioso di tutti quelli presenti sul mercato.Per la cessione del quinto infatti,  il tasso varia dal 5,7% al 7%, mentre per i prestiti personali al consumo il Taeg arriva anche all’8,9%.

Le banche e le assicurazioni aderenti al progetto Ape invece, propongono tutte un tasso Taeg fisso del 3,2%, che va aggiornato ogni 2 mesi.

 

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti