Now reading
Prestiti Inpdap maggio 2016: requisiti d’accesso

Prestiti Inpdap maggio 2016: requisiti d’accesso

Che ne diresti di una linea di credito a tassi agevolati e un periodo di rimborso che può estendersi fino a 10 anni? Stiamo parlando dei prestiti Inpdap, prodotti rivolti a dipendenti e pensionati pubblici. Vediamo in dettaglio cosa offrono, quali vantaggi presentano e quali sono le modalità d’accesso al credito.

Prestiti Inps ex Inpdap: a chi si rivolgono

Iniziamo ad affrontare la questione prestiti Inpdap analizzando il caso del piccolo prestito. Di cosa si tratta?

Di una prestazione economica riservata agli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, che possono richiedere l’accesso al credito per esigenze improvvise rimborsando la cifra ricevuta con piani di ammortamento della durata compresa tra i 12 e i 48 mesi.

Per fruire del piccolo prestito Inpdap è necessario fare riferimento a procedure diverse a seconda che il richiedente sia un lavoratore o un pensionato. Nel primo caso bisogna compilare gli appositi moduli scaricabili dal sito dell’Ente, consegnarli alla propria amministrazione di appartenenza che si occupa poi di inoltrarli all’Ente.

Prestiti pluriennali: quali sono e cosa offrono

Nell’ambito dei prestiti Inpdap conviene analizzare anche le caratteristiche dei prestiti pluriennali, finanziamenti che possono durare dai 60 ai 120 mesi e che consentono di far fronte a necessità gravi di natura personale o familiare, che possono riguardare la salute dell’iscritto come la ristrutturazione della casa.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Accessibili sia ai pensionati sia ai lavoratori iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, questi finanziamenti sono caratterizzati da un tasso fisso per tutta la durata del finanziamento e pari al 3,50%.

L’ultimo punto da considerare riguarda le modalità di accesso al credito dei mutui ipotecari. Questi piani di finanziamento, finalizzati all’acquisto della prima casa, alla ristrutturazione ordinaria o straordinaria, alla costruzione di un box o di un posto auto, possono essere richiesti dagli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali sia lavoratori sia pensionati.

Per perfezionare la richiesta è necessario caricare online tutti i documenti richiesti – avendo cura di includerli tutti onde evitare l’esclusione – e inoltrare il tutto dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno solare.

Tutte le domande pervenute vengono prese in considerazione e accettate sulla base della disponibilità finanziaria della direzione regionale competente.

Maggiori dettagli qui: www.inpdapprestiti.it

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti