Now reading
Renzi: vicino l’accordo Ue sulle banche

Renzi: vicino l’accordo Ue sulle banche

Un accordo sulle banche con l’UE che sia compatibile con le regole già esistenti e che metta al riparo sarebbe “a portata di mano”. È quanto ha detto Matteo Renzi nella sala Buzzati del Corriere della Sera durante un intervista con da Beppe Severgnini.

«Sono più preoccupato dei derivati delle banche straniere – ha detto ancora il primo ministro, con riferimento indiretto alla situazione di Deutsche Bank – che dei prestiti non performanti degli istituti italiani. Il nostro obiettivo è che i risparmiatori e i correntisti siano al sicuro».

«Quando sono arrivato al governo – ha ricordato Renzi – in Europa ci si chiedeva come sarebbero andate le cose per l’Italia e in Grecia. Oggi la musica è cambiata. Abbiamo creato 500 mila posti di lavoro. Non basta. Se il Jobs Act fosse stato fatto da chi c’era 10 anni fa oggi staremmo tutti meglio. In ogni caso non siamo più il malato d’Europa. Oggi non ci chiedono come ce la passiamo, ci chiedono cosa proponiamo noi per l’Ue».

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Un’Unione Europea che ora deve fare i conti con la Brexit. «La vera questione – ha sottolineato il capo del governo – è capire ora che cosa vuole fare l’Europa e dove vuole andare». Un errore dunque la scelta di Cameron di indire un referendum sulla permanenza nell’Europa?

«Quella consultazione è stata il frutto di un compromesso con la minoranza interna del partito conservatore – ha commentato il premier -. Ma se c’è un insegnamento che arriva da quanto successo in Gran Bretagna è che non si possono utilizzare le istituzioni per regolare le questioni interne».

Nemmeno il referendum? «Se l’allusione è al referendum costituzionale – che per il premier si svolgerà probabilmente il 9 ottobre o il 6 novembre – dico subito che non ho paura, perché non si deve temere quando i parlano».

Fonte: corriere.it

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti