Now reading
Turchia in crisi politica sulle divisioni tra presidente Erdogan e premier Davutoglu

Turchia in crisi politica sulle divisioni tra presidente Erdogan e premier Davutoglu

Lo scontro tra i due leader del paese s’insinua in una situazione politica già delicata sia sul fronte interno, che su quello internazionale.

Oltre alla guerriglia inaspritasi negli ultimi mesi dei curdi, c’è anche la lotta all’ISIS, che controllando grossa parte del territorio siriano, ai suoi confini, costringe la Turchia ad intervenire per ripristinare almeno le condizioni minime di sicurezza alle sue frontiere, presso le quali sono ammassati due milioni di profughi. E non sono in pochi nell’Occidente a dubitare sui rapporti tra Ankara e lo Stato Islamico.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti

Di dubbi, invece, non ne ha Vladimir Putin, che dopo l’abbattimento del caccia russo nell’ottobre scorso per mano dei militari turchi, ha di fatto sospeso le relazioni diplomatiche con quelli che fino a poco tempo fa sembravano solidi alleati.

L’Akp, il partito islamico-conservatore del presidente Erdogan e del premier Ahmet Davutoglu, è lacerato dalle divisioni tra i due leader, ma la dirigenza nazionale ha ridimensionato la scorsa settimana i poteri del secondo, di fatto indebolendone la guida del governo che ha sposato la richiesta del presidente di togliere l’immunità ai 50 deputati del partito filo-curdo, molti dei quali sono accusati di connivenza con il terrorismo curdo del PKK, un passo che aprirebbe loro le porte del carcere e li estrometterebbe dal Parlamento, dove essere riusciti nell’impresa storica di entrarvi meno di un anno fa, riconfermati alle elezioni anticipate dell’1 novembre scorso.

 

Cerchi un finanziamento personale?

 

Richiedi gratis il preventivo in 5 minuti