Now reading
Cos’è la surroga mutuo e perché sceglierla nel 2016

Cos’è la surroga mutuo e perché sceglierla nel 2016

Se il tuo mutuo casa è troppo caro, hai a disposizione una soluzione a costo zero che ti permette di risparmiare. Di cosa si tratta? È la surroga del mutuo. Vediamo come funziona e perché conviene sceglierla nel 2016.

Grazie alla surroga è possibile trasferire il mutuo da un istituto di credito a un altro, questo senza pagare alcuna spesa d’istruttoria, onere notarile od onere di perizia.

Con la surroga del mutuo viene trasferita presso la nuova banca l’iscrizione ipotecaria originaria. Compito del cliente è chiaramente il saldo delle rate del piano. Molto importante è ricordare che le detrazioni sugli interessi passivi – pari al 19% di quanto pagato fino a un ammontare di 4.000€ annui – valgono anche per la surroga una volta formalizzato il passaggio del mutuo al nuovo istituto di credito.

Perché scegliere la surroga nel 2016

Per avere le idee chiare in merito a surroga cosa significa è fondamentale ricordare che esistono diverse tipologie di intervento. Quali sono? La surroga bilaterale e la surroga trilaterale. Nel primo caso è possibile inquadrare l’intervento di due attori, ossia la banca surrogante e il cliente. Il risultato della surroga bilaterale è un atto unilaterale di quietanza.

Cos’è la surroga trilaterale

Concludiamo questa approfondimento entrando nel merito delle caratteristiche della surroga trilaterale, un percorso un po’ più lungo e laborioso rispetto alla surrogazione bilaterale.

La surroga trilaterale, come è evidente dal nome stesso, si basa sull’intervento di tre attori, ossia il debitore, la banca surrogante e la banca surrogata (l’istituto di credito dove è stato originariamente acceso il mutuo).

Il risultato della surrogazione trilaterale è un unico atto notarile che contiene specifiche relative alle nuove condizioni vigenti tra mutuatario e banca surrogante, la quietanza di estinzione del mutuo originariamente acceso, l’impegno della banca surrogata relativamente al mantenimento dell’ipoteca.