Now reading
I Migliori Conti Deposito 20 marzo 2017: tassi vantaggiosi di Che Banca! e ING Direct

I Migliori Conti Deposito 20 marzo 2017: tassi vantaggiosi di Che Banca! e ING Direct

I Migliori Conti Deposito 20 marzo 2017: le offerte di Che Banca! e ING Direct

Per avere un rendimento dai risparmi senza rischi per il capitale si può optare per una specifica soluzione offerta da diverse banche. In questo articolo presentiamo i migliori conti deposito del momento,  proposte da Che Banca! e ING Direct. 

Migliori Conti Deposito: Che Banca! fino al 31 marzo 2017

Fino al 31 marzo 2017 Che Banca! offre un tasso promozionale sulla nuova liquidità, ossia su nuove somme depositate da chi è già cliente o da chi lo diventa in questa occasione.

Inoltre accorda un tasso creditore lordo dello 0,90%, anziché 0,70%, per i vincoli di 12 mesi. Lo 0,90% lordo è accordato anche ai depositi di 6 mesi, normalmente allo 0,50%, mentre per 3 mesi viene riconosciuto lo 0,50% anziché lo 0,30%.

Che Banca! versa anticipatamente al cliente gli interessi spettanti in base al vincolo scelto e li rende disponibili immediatamente in conto. In caso di svincolo anticipato il capitale resta garantito, viene riconosciuto il tasso base dello 0,25% lordo e sono trattenuti gli interessi precedentemente accordati, senza penali.

Migliori Conti Deposito: ING Direct

Tra le proposte di migliori conti deposito molto interessante è la promozioneING Direct valida fino al 22 aprile 2017. L’offerta è riservata ai nuovi clienti che sceglieranno di aprire un Conto Corrente Arancio, senza canone e a zero spese, e di abbinarvi Conto Arancio, il conto deposito on line del gruppo.

I due prodotti abbinati danno diritto a un tasso lordo del 2% sulle somme vincolate per 6 mesi. Nel dettaglio, per aderire alla promozione va aperto on line entro il 22 aprile un Conto Corrente Arancio, perfezionando l’attivazione con l’accredito di stipendio o pensione.

Dopodiché si apre un Conto deposito Arancio per vincolare la somma desiderata per sei mesi e ottenere il rendimento del 2% lordo, che sarà versato alla scadenza. Non ci sono penali in caso di chiusura anticipata del vincolo, ma verrà riconosciuto semplicemente il tasso base.