GRUPPO VICENZI, IL BUONO DEL WELFARE, I SAPORI ITALIANI E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Gruppo Vicenzi, icona della pasticceria italiana,

ha presentato il primo Rapporto di Sostenibilità con l’obiettivo di fotografare

uno scenario il più possibile dettagliato delle attività messe in campo

per mantenere gli alti standard qualitativi dei prodotti e delle materie prime,

della qualità della vita dei suoi lavoratori distinguendosi così come realtà virtuosa.

La pasticceria Vicenzi, sinonimo di tradizione e italianità, è ancora realizzata con ingredienti semplici, proprio come voleva Matilde Vicenzi sin dal 1905. I valori, in questi 115 anni di storia, non sono mai cambiati: qualità delle materie prime, attenzione ai dettagli e passione per la bontà. Ingredienti selezionati che rispettano le ricette tradizionali secondo i criteri di sostenibilità ambientale e tracciabilità di filiera.

Il Gruppo Vicenzi mantiene saldi i rapporti con i suoi storici fornitori, utilizzando per la maggior parte prodotti italiani che rispettano gli alti standard qualitativi.

A tal proposito l’azienda ha scelto un approvvigionamento di zucchero da filiera certificata italiana puntando a coprire il 30% del fabbisogno totale entro il 2022, dal 2012 ha intrapreso un percorso di progressiva conversione all’uso delle uova provenienti da allevamento a terra ed infine, entro il 2023, ha come obiettivo quello di utilizzarle in tutti i prodotti a proprio marchio. 

Ad oggi lo stabilimento di Bovolone (VR) ha raggiunto il 100% di approvvigionamento con uova allevate a terra, la conversione è in corso per gli stabilimenti di San Giovanni Lupatoto (VR) e Nusco (AV), tuttavia sulle linee dei prodotti storici come l’Amaretto e il Vicenzovo si è già conclusa.

Al rispetto delle ricette tradizionali si affianca, quindi, la volontà di perseguire l’attenzione verso la provenienza delle materie prime e la qualità dei prodotti, tant’è che Vicenzi ha da sempre scelto di bandire l’utilizzo di OGM. Ma non è tutto. Vicenzi ha scelto di privilegiare una provenienza sostenibile anche per il cacao, iniziando un percorso di conversione verso quello certificato UTZ: uno standard di garanzia a livello mondiale affinché la produzione della materia prima avvenga in maniera sostenibile.

A partire dal 2017, il Gruppo ha introdotto prodotti senza glutine e senza lattosio per consentire a tutti di poter apprezzare la golosità della sua pasticceria.

Anni di ricerca hanno consentito di realizzare un prodotto che non fa in alcun modo rimpiangere la ricetta classica. Il risultato ha concesso all’azienda di ragionare in un’ottica “inclusiva”, come nel caso delle merendine Mister Day dove l’assenza di lattosio è stata estesa a tutta la gamma di prodotto, in questo modo è stato possibile esporre i prodotti negli scaffali convenzionali e non dedicati a chi soffre di intolleranza o allergia a questo tipo di proteina.

“Già dal 2017 – ha dichiarato Cristian Modolo Direttore Marketing e Comunicazione – il Gruppo Vicenzi ha progressivamente arricchito la sua offerta con prodotti senza glutine a marchio: Grisbì, VicenzOvo, Amaretto d’Italia e Muffin Mr.Day. Vicenzi ha lavorato nel corso degli anni per far fronte alle diverse richieste da parte del mercato realizzando prodotti con farina integrale e con un ridotto contenuto di zucchero come nel caso delle Fruttizie, gustose frolle ripiene di frutta”. 

Alla salubrità e qualità dei suoi prodotti Vicenzi accompagna anche l’attenzione per l’ambiente, infatti imballaggi sempre più virtuosi rappresentano un grande impegno da parte del Gruppo che attraverso processi di innovazione nello scorso triennio è riuscito a ridurre del 30% la quantità di plastica grazie al nuovo design del packaging del Savoiardo VicenzOvo e a realizzare per Grisbì imballaggi di carta 100% riciclata.

Il Savoiardo rinuncia alla sua iconica confezione di “sacchetto con il ciuffo” ottenendo un abbattimento del 100% dell’utilizzo di gancetti di plastica, si parla di circa 5 milioni di pezzi.

Anche per il packaging delle novità Fruttizie, Vicenzi ha scelto una carta certificata FSC, proveniente da foreste gestite responsabilmente.

Un Bilancio di Sostenibilità dove il Gruppo Vicenzi ha voluto rinnovare il suo impegno nei confronti di chi, da oltre 100 anni, ha scelto di far parte di questa famiglia: i lavoratori. La famiglia per il Gruppo Vicenzi occupa un ruolo centrale, infatti da tempo, per far fronte soprattutto alle esigenze di madri lavoratrici, ha attivato modalità diverse di lavoro quali il part time e lo smart working per tutte quelle dipendenti che ne hanno fatto richiesta.

Il Gruppo Vicenzi da sempre ha orientato le scelte alla stabilità, rappresentata dal grande numero di contratti a tempo indeterminato restituendo così un grado di fedeltà dei dipendenti elevato: più del 60% di coloro che lavorano in azienda vantano infatti un’anzianità di servizio superiore ai 10 anni. Tra questi ci sono tre dipendenti, che nel 2019 hanno ricevuto il Premio Fedeltà della Camera di Commercio di Verona, che lavorano per il Gruppo Vicenzi da più di 30 anni.

Approfondimenti

Sito ufficiale Vicenzi: https://www.vicenzi.it/
Download Report: https://www.vicenzi.it/news/bilancio-sostenibilita/index.html

Digiqole ad

Articoli correlati