La Biennale di Venezia premiar Hurt, lo short film sul cyberbullismo prodotto dal Gruppo Immedya

 La Biennale di Venezia premiar Hurt, lo short film sul cyberbullismo prodotto dal Gruppo Immedya

Il cortometraggio sul cyberbullismo, Hurt, in proiezione al TFF, Torino film festival (che si chiude il 4 dicembre), ha ricevuto in questi giorni anche un Certificato di merito artistico dalla 78a mostra internazionale d’arte cinematografica La Biennale di Venezia.

Hurt è prodotto dal Gruppo Immedya, azienda con cinque divisioni specializzate nel marketing e nella comunicazione, con quartier generale in Abruzzo, nella provincia di Teramo e sedi anche a Milano e Roma. Il tema trattato è un argomento discusso in Italia e nel mondo, un problema sociale diffuso e pericoloso, raccontato con una storia allo stesso tempo realistica e metaforica, ispirata da un fatto di cronaca reale, per un cinema drammatico e adolescenziale, con un taglio internazionale. Il risultato è un «un film d’autore […] un noir cinematografico influente e spiazzante», come è stato definito nella lettera che dava notizia dell’inserimento dello short nella Biennale Orizzonti, sezione in cui sono stati accolti i migliori film e cortometraggi prodotti e realizzati entro febbraio 2021.

Il certificato di merito ricevuto dalla stessa Biennale di Venezia celebra Hurt «per aver raccontato con arte decisa e passionale il tema del cyberbullismo, mostrando diverse forme della sensibilità umana, dallo spirito intimo ed emotivo a quello crudo e severo. Un film intenso, che guarda al futuro, raccontando una dura realtà in crescita e preponderante nei giovani».

Il Gruppo Immedya ha deciso di sposare il progetto con l’intento di consolidare la filosofia riassunta nel suo slogan, “We are people”: una cultura aziendale che vuole rimettere al centro le persone e che ha come principi l’uguaglianza e la parità di genere, l’identità culturale, il rispetto e la stima di ogni singolo individuo, per creare un ambiente sostenibile e responsabile.
Coinvolta nella realizzazione e nella comunicazione del cortometraggio anche IMP L’Editoria, la divisione del Gruppo Immedya dedicata all’editoria, al giornalismo ed alla produzione di video, che promuove storie e informazioni di valore.

Hurt ha la regia di Carmine Bucci della Wolf Pictures, cineasta che ha lavorato su importanti set internazionali con maestri del calibro di Ken Loach, Francesco Rosi e Giuseppe Lanci. Fra i suoi lavori, il cortometraggio “Cosmonaut” che ha vinto numerosi festival cinematografici.

La sceneggiatura è di Daniele Rutigliano. Protagonisti gli attori Fabrizio Pagliaretta, Mario Massari, Lucrezia Santilli, Rossella Mattioli. Direttore della fotografia Peter Ranalli, scenografo Valerio Gagliardi, fonico Giampiero Sanzari. Lo short film è stato realizzato con il sostegno di Ferrarelle e della Regione Abruzzo. Dopo Venezia e Torino, Hurt è atteso ai festival di Barcellona e Lisbona.

Digiqole ad

Articoli correlati