Maxfone e UniCredit insieme per la digitalizzazione delle PMI, grazie al portale Partner4Business

 Maxfone e UniCredit insieme per la digitalizzazione delle PMI, grazie al portale Partner4Business

È stato inaugurato in questi giorni il nuovo portale Partner4Business che UniCredit ha sviluppato in collaborazione con un numero selezionato di Partner, tra cui il data provider Maxfone, per portare oltre 70 nuovi servizi di natura non bancaria nè finanziaria finalizzati a rispondere ai bisogni delle PMI italiane.

L’idea alla base del progetto è mettere a disposizione delle imprese un portafoglio di servizi in ottica di digitalizzazione, rilancio della competitività e sostenibilità, con cui accedere anche alle opportunità finanziarie del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

Seguendo proprio le traiettorie del PNRR, Maxfone ha scelto di mettere a disposizione dei clienti UniCredit l’intera gamma di soluzioni del proprio competence center SocialMeter, specializzato in analisi di mercato innovative, svolte mediante lo studio dei Big Data.

Alcune applicazioni sono gli strumenti di web e social monitoring per l’ascolto del parlato online e il miglioramento del posizionamento digitale; nonché tecnologie dedicate al rilancio dei settori eventi e turismo, tra i più colpiti dalla pandemia.

Con un fiore all’occhiello: la proposta Market Research grazie a cui le PMI possono conoscere approfonditamente i propri clienti e mercati. Si differenzia completamente dai survey tradizionali, in quanto si basa su una metodologia innovativa (comprensiva di sistemi di intelligenza artificiale) che, nel 2018, ha portato la società a ottenere il primo brevetto nazionale nel campo dei Big Data.

Infatti, se le analisi tradizionali sono solitamente settoriali e descrittive, aggiornate tuttalpiù una volta all’anno, con risultati generici, le ricerche data driven elaborate da SocialMeter si basano su un mix di tecniche eterogeneo, scelto in base agli obiettivi della singola azienda e rimodulato frequentemente. In questo modo gli indicatori risultanti sono personalizzati, semplici da interpretare, hanno anche un valore predittivo e restano di proprietà esclusiva del committente.

In merito all’accordo Paolo Errico, Amministratore Delegato di Maxfone ha dichiarato: “È per noi un motivo di grande orgoglio e soddisfazione aver partecipato allo sviluppo di questo progetto molto ambizioso. La sfida che ci poniamo insieme ad UniCredit, che ha creduto nelle nostre competenze e capacità, e agli altri partner, è quella di offrire soluzioni pronte e facili da usare che aiutino le imprese ad affrontare la trasformazione digitale.”

La trasformazione digitale è una delle più grandi sfide che il paese sta affrontando e interessa sia il settore pubblico che privato attraverso i fondi stanziati dal PNRR. È quindi fondamentale coinvolgere anche le piccole imprese in questo processo, perché sono parte integrante e fondamentale del sistema economico del paese.

Abbiamo messo a disposizione la nostra esperienza fatta sul campo in questi anni insieme alla profonda conoscenza che UniCredit ha dei propri Clienti, cercando di sviluppare delle soluzioni veramente alla portata di tutte le imprese, che spesso non hanno le competenze e le figure professionali per poter iniziare la trasformazione data driven. Pensiamo che il risultato sia un set di proposte e soluzioni che possono essere adottate in modo facile ed intuitivo e eventualmente approfondito nel tempo“, continua Errico.

Dunque, non solo tecnologia, ma anche cultura digitale. Per velocizzare questa transizione, Maxfone ha introdotto anche servizi accessori di advising e sviluppo di conoscenze e competenze con cui tradurre i dati in informazioni strategiche. Un accompagnamento che avviene attraverso la consulenza professionale di Innovation manager e data analyst.

Digiqole ad

Articoli correlati