Per il 2020 Antevenio Italia conferma un target di crescita a due cifre

Il CEO Alessandro Volpi: “La capacità di affrontare un contesto di forte discontinuità, l’ingresso di nuovi clienti e la fiducia di quelli storici ci consentono di riaffermare l’obiettivo di un incremento di fatturato del 15%”.

L’imprevisto pit-stop della scorsa primavera – conseguenza di una pandemia che ha messo in ginocchio l’intero Paese – non ha avuto lo stesso impatto per tutte le aziende. C’è stato chi ha dovuto interrompere o ridurre l’attività produttiva e chi invece è riuscito a costruire una nuova normalità, aggirando quel “tempo sospeso” dell’economia. È questo il caso di Antevenio Italia – agenzia digital parte dell’omonimo network internazionale con sedi in Europa, USA e America del Sud – che durante il lockdown ha continuato a lavorare in smart working a pieno regime, senza alcun ricorso alla cassa integrazione e senza intralci al conseguimento dei propri obiettivi. Ubicata nel centro di Milano all’ombra del Bosco Verticale, Antevenio Italia ha costruito nel tempo un portfolio di competenze che spazia dal performance marketing alle attività di consulenza strategica, fino al content e ai social. Può inoltre far leva su due tool consolidati quali Coobis, indirizzato a servizi di content e influencer marketing, e MDirector, dedicato alla gestione e automazione dell’email marketing cross-channel: entrambe tecnologie di proprietà, cui presto se ne aggiungeranno altre.

“Siamo cresciuti parecchio nei primi due mesi dell’anno, sia performando sui clienti già esistenti che acquisendone di nuovi, tra i quali realtà prestigiose come Amazon Prime, ActionAid e Mondadori – commenta il CEO di Antevenio Italia, Alessandro Volpi – il lockdown di marzo e aprile è stato un momento difficile sul piano umano, ma non su quello professionale: al contrario, abbiamo consolidato il rapporto con diversi clienti storici. Con WeWorld, ad esempio, non solo è aumentato il budget destinato a progetti attivi da anni, ma si è creata una relazione più di partnership che di fornitura, attraverso l’erogazione di servizi di consulenza in grado di ottimizzare le performance perfino in quel momento complicato”. La resilienza di Antevenio di fronte a un contesto così particolare le consente adesso di ragionare in maniera non conservativa su un anno che per tante aziende sarà di arretramento. “L’obiettivo che ci siamo posti a inizio anno di aumentare il nostro fatturato del 15% è ancora aderente alla realtà dei fatti”.

In queste settimane l’agenzia sta partecipando a una serie di gare, presentando progetti integrati di pianificazione media, comunicazione social e consulenza strategica: progetti che uniscono dati, strategia, creatività e tecnologia, in coerenza con l’obiettivo di offrire un pacchetto di servizi sempre più completo. Sempre attenta alle nuove dinamiche che attraversano il mercato digital, Antevenio sta spingendo l’acceleratore anche verso lo sviluppo di progetti data driven. “Sempre più aziende ci chiedono di occuparci dell’analisi dei dati, tramite cui il digital marketing può davvero trainare la crescita aziendale”.

Pur facendo parte di un network internazionale che vanta 3 sedi, più di 600 dipendenti e presidi in 14 Paesi, l’agenzia italiana preferisce definirsi una boutique. “Offriamo consulenza a 360 gradi con una copertura da multinazionale – conclude Alessandro Volpi – i nostri progetti vengono spesso elaborati in ottica cross-country, ma lo spirito, l’attenzione e l’approccio di Antevenio Italia rimangono quelli di una boutique d’eccellenza, capace di fornire a ciascun cliente servizi tailor-made in un clima accogliente e familiare”.

Articoli correlati