Publicis Groupe organizza una nuova iniziativa in 4 punti vendita Eni gas e luce per un Natale senza sprechi

 Publicis Groupe organizza una nuova iniziativa in 4 punti vendita Eni gas e luce per un Natale senza sprechi

Con il supporto di Publicis Groupe, Eni gas e luce, che diventerà Plenitude nel 2022, lancia una nuova attività instore nelle città di Torino, Milano, Firenze e Roma per un Natale all’insegna della sostenibilità e meno sprechi.

L’idea creativa sviluppata da 8 Design, sigla di Publicis Groupe, intorno al claim “Insieme, abbiamo l’energia per cambiare” si concentra sul comportamento dei consumatori con l’obiettivo di ridurre uno dei maggiori sprechi del periodo natalizio ovvero la carta regalo.

Con il supporto di Publicis Groupe, l’azienda ha selezionato 4 artisti e illustratori per interpretare i suoi valori di sostenibilità: Nicola Canova, Irene Ghillani, Fabio Persico e Alessandra Marianelli in arte Luchadora realizzeranno dei pattern natalizi che potranno essere utilizzati come carta da regalo.

Nella giornata del 18 dicembre presso 4 punti vendita selezionati gli artisti saranno disponibili per decorare sul momento una carta speciale ottenuta realizzata con residui di uva.

Nicola Canova, artista visivo multidisciplinare, farà vibrare con le sue pennellate i pacchetti di chi si recherà nel punto vendita Torino, in Corso Luigi Einaudi 15/17. Irene Ghillani sarà presente con le sue illustrazioni pop e allegre nel Flagship Store Eni gas e luce di Corso Buenos Aires 3 (angolo Via Panfilo Castaldi 41) a Milano mentre Luchadora sarà a Firenze in via Maccari 117/119 (angolo Via Cassioli) per rendere i pacchetti un’esplosione di fantasia ed energia. Infine, Fabio Persico, artista, illustratore, filmaker, sarà presente nell’Energy Store di Piazza Augusto Albini 32/34 a Roma con il suo tocco artistico decisamente unico.

La carta su cui verranno stampate le illustrazioni sarà inoltre disponibile nei punti vendita Eni gas e luce di Milano, Torino, Firenze e Roma e verrà realizzata con sottoprodotti di lavorazioni agro-industriali, salvati dalla discarica e che sostituiscono fino al 15% la cellulosa proveniente da albero. Per dare visibilità all’iniziativa sono anche state previste delle doppie pagine centrali sui principali quotidiani locali delle città ospitanti e che potranno essere utilizzate anch’esse come carta regalo di recupero.

Digiqole ad

Articoli correlati