Guida SEO per e-commerce d’abbigliamento realizzata dalla Fattoretto Srl

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

In questa pagina troverai alcune linee guida, best practies, tecniche di ottimizzazione per migliorare indicizzazione/posizionamento/crawlability di un e-commerce di abbigliamento ed ottenere benefici a lungo termine.Che tu sia:

  • Il SEO manager di una grande azienda di e-commerce che cerca di ottimizzare il ROI del SEO;
  • Il proprietario di un piccolo business online cerca di trovare delle soluzioni per far crescere la tua attività.
  • O un marketer in crescita alla ricerca di modi innovativi e altamente efficaci per aumentare il traffico.

Questo post può fare al caso tuo! In questa guida condividiamo:

  • Passi, tattiche e strumenti semplici e attuabili che puoi applicare al tuo sito eCommerce
  • Strategie comprovate per aumentare il tuo posizionamento su Google e altri motori di ricerca
  • Definizioni facili da comprendere per qualsiasi principiante
  • Risorse extra per aiutarti a ottenere il massimo dal SEO e dal content marketing

In questa pagina troverai alcune linee guida, best practies, tecniche di ottimizzazione per migliorare indicizzazione/posizionamento/crawlability di un e-commerce di abbigliamento ed ottenere benefici a lungo termine.

Che tu sia:

  • Il SEO manager di una grande azienda di e-commerce che cerca di ottimizzare il ROI del SEO;
  • Il proprietario di un piccolo business online cerca di trovare delle soluzioni per far crescere la tua attività.
  • O un marketer in crescita alla ricerca di modi innovativi e altamente efficaci per aumentare il traffico.

Questo post può fare al caso tuo! In questa guida condividiamo:

  • Passi, tattiche e strumenti semplici e attuabili che puoi applicare al tuo sito eCommerce
  • Strategie comprovate per aumentare il tuo posizionamento su Google e altri motori di ricerca
  • Definizioni facili da comprendere per qualsiasi principiante
  • Risorse extra per aiutarti a ottenere il massimo dal SEO e dal content marketing

Le intestazioni accompagnate da questa icona  fanno riferimento ad indicazioni per le quali suggeriamo di far implementare al vostro team SEO di competenza, nel caso in cui non doveste disporre di un team SEO proseguite con la lettura, segnatevi tutte le cose che volete approfondire e chiedete aiuto 😉

Tutti i suggerimenti contenuti in questa guida possono essere applicati su qualsiasi E-Commerce della moda, negozio online di abbigliamento di piccole/medie dimensioni e boutique.

Ecco una panoramica di ciò che verrà trattato nella nostra guida alla SEO per i siti Web di eCommerce per il settore abbigliamento:

Azioni preliminari e suggerimenti di base per il tuo ecommerce di abbigliamento

Queste tattiche sono facili da implementare e non richiedono alcuna conoscenza tecnica, possono essere facilmente applicate anche se non possiedi particolari competenze tecniche.

Installazione e configurazione di Google Analytics

Prima installi Google Analytics e attivi il monitoraggio eCommerce di Google Analytics sul tuo sito web, prima inizierai a raccogliere preziosi dati sulle sorgenti di traffico del tuo sito web, parole chiave, informazioni sul pubblico e altre utili conoscenze che aiuteranno il tuo sito web a crescere.

Per approfondimenti:

https://support.google.com/analytics/answer/1008015?hl=it

Installazione e configurazione della Search Console di Google

Gli Strumenti per i Webmaster di Google sono informazioni dettagliate direttamente da Google su come “visualizzano” i dati sul tuo sito web.

Google Search Console fornisce dati interessanti e approfondimenti dettagliati sul tuo sito web, tra cui: query di ricerca per il posizionamento del sito web, backlink e siti referral(altri siti web che rimandano ai tuoi), compatibilità con i dispositivi mobili e altri dati di scansione.

Puoi collegare entrambi gli strumenti di Google Analytics e di Webmaster per facilitare il monitoraggio dei dati! Gli Strumenti per i Webmaster di Google ti informano anche se il tuo sito è stato penalizzato.

Approfondimenti:

https://support.google.com/webmasters/answer/9128668?hl=it

Controlla lo stato dell’indicizzazione del tuo sito web

Questo è un modo molto semplice e veloce per verificare se Google sta eseguendo la scansione e l’indicizzazione del tuo sito web. Prendi nota rapida di quante pagine pensi di avere sul tuo sito (categoria, archivio, pagine di blog).

Confronta il dato verificando il numero di pagine presenti nelle sitemap.xml ed il numero di pagine presenti nell’indice di Google.

Per verificare quante pagine del tuo sito sono presenti su Google devi visitare la homepage del motore di ricerca e digitare site:nomedominio.com (nomedominio.com corrisponde al nome di dominio del tuo sito web)

Se i dati analizzati non tornano e ti accorgi che non corrispondono potresti avere dei problemi di indicizzazione, in questo caso ti consigliamo di chiedere aiuto al tuo team SEO o a dei professionisti.

Se non vengono visualizzati risultati ed il tuo sito non è stato pubblicato online di recente, ciò potrebbe indicare che il tuo sito potrebbe essere in violazione delle Istruzioni per i webmaster di Google e potrebbe essere necessario inviare una richiesta di riconsiderazione manuale. Anche in questo caso ti consigliamo di chiedere aiuto.

Gestione delle tassonomie e dei filtri di navigazione

Cos’è la tassonomia? La tassonomia è la scienza che si occupa della classificazione (sistematica) delle informazioni; noto anche come disposizione delle informazioni. Per migliaia di anni, le biblioteche hanno seguito questa scienza per classificare centinaia di migliaia di libri in un sistema che ha senso logico immagazzinare e trovare le informazioni che cerchi.

Uno degli esempi più conosciuti di tassonomia è il sistema di classificazione delle specie.

Esistono alcune regole generali che dovresti seguire se stai creando un nuovo sito o stai cercando di revisionare la tua struttura esistente, che svolge un ruolo chiave nella guida traffico organico (SEO). I siti web che non utilizzano la tassonomia tendono a essere molto difficili da navigare per gli utenti e i visitatori della pagina spesso non trovano quello che stanno cercando. Si stima che in media circa il 40% dei visitatori di un sito Web lascerà un sito mal strutturato.

Perché è importante progettare una classificazione delle informazioni mirata agli utenti e alla SEO?

Progettare una tassonomia ben pianificata ai tuoi contenuti può trasformare il modo in cui comunichi con i tuoi clienti organizzando le tue informazioni in modo da allinearsi a ciò che gli utenti si aspettano. Fornisce un enorme ritorno sull’investimento grazie a una migliore scoperta dei contenuti, alla reperibilità SEO ed al marketing online.

Ecco 4 motivi per cui è importante che il catalogo prodotti del tuo e-commerce di abbigliamento sia ben progettato:

  • Le persone navigano diversamente, in base ad esigenze ed interessi;
  • Le persone pensano al contenuto in modi diversi, con la tassonomia è possibile correlare i contenuti per argomento e tipologia;
  • Gli utenti hanno interessi diversi nei tuoi contenuti;
  • Gli spider dei motori di ricerca hanno bisogno di analizzare siti web ben strutturati  per essere efficaci ed efficienti: più la tua struttura è ottimale (sia internamente che esternamente), più efficientemente ed efficacemente i motori di ricerca saranno alla ricerca, all’indicizzazione e al posizionamento dei tuoi contenuti.

Gli utenti navigano sulla base di modelli mentali e quindi ogni pagina si adatta molto bene a questo modello come una chiave. I motori di ricerca utilizzano il contesto e la struttura del sito web per aiutare a capire il flusso delle metriche di ranking e il valore della pagina verso gli obiettivi delle parole chiave.

Come identificare la migliore struttura tassonomica per il tuo sito

IMPORTANTE!!! Ricorda anche progettare una tassonomia e definire un menu di navigazione sono 2 cose differenti. Se sai che il tuo sito web avrà una tassonomia molto strutturata o complessa, ti consiglio vivamente di lavorare con un architetto di informazioni qualificato per garantire la facilità d’uso della navigazione del sito corrispondente.

Per rendere il contenuto reperibile attraverso tutti i mezzi (navigazione, ricerca, richiesta), è fondamentale creare e mantenere una tassonomia chiara. I quattro tipi di tassonomie del sito Web sono: orizzontale, gerarca, a maglia e a faccette.

Tassonomia orizzontale

Una tassonomia di un sito Web piatto ha una pagina iniziale con un elenco di sottocategorie. In questo tipo di tassonomia, non ci sono livelli all’interno delle sottocategorie. Questo rende tutte le categorie di livello superiore delle sottocategorie, ed è possibile scegliere dall’elenco di pagine sulla home page.

Quali tipi di siti dovrebbero usare questo tipo? Questo tipo di tassonomia è la cosa migliore per i proprietari di piccoli siti web. Tuttavia, questa struttura tassonomica non è buona per i siti web più grandi.

Struttura gerarchica

Questa struttura tassonomica viene spesso utilizzata per siti web un po ‘più grandi. In una tassonomia gerarchica, ci sono categorie principali che includono sottocategorie. Quando un individuo fa clic su una delle sottocategorie, riceve le opzioni per una o più sottocategorie al loro interno. In alcuni casi, ci sono diversi nuovi livelli di sottocategorie che appaiono.

Ecco alcuni consigli importanti che devi seguire quando stai creando una tassonomia gerarchica:

  1. Cerca di minimizzare il numero di livelli nella gerarchia. Ciò migliorerà la reperibilità del contenuto.
  2. È importante che le pagine siano suddivise in base al tipo di contenuto della pagina piuttosto che ai dati di ricerca per le parole chiave.
  3. Stai attento se usi gli acronimi per i titoli delle categorie. A meno che tu non possa essere certo che i lettori avranno sempre familiarità con un acronimo, dovresti scriverlo prima di usarlo.

Tassonomia a maglia (o a rete)

Esistono molti modi per creare una tassonomia a maglia. In alcuni casi, le categorie sono collegate l’una dall’altra per associazione. A volte, una tassonomia di rete può essere utilizzata insieme alla tassonomia gerarchica.

Quali tipi di siti dovrebbero usare questo? Le tassonomie di rete sono comunemente usate dagli individui che possiedono siti web più grandi.

Ecco alcune cose da tenere a mente quando crei una tassonomia di rete:

  • Se le categorie sono collegate per associazione, assicurarsi che siano chiaramente correlate l’una con l’altra.
  • Considera di avere le informazioni più recenti o i contenuti più popolari disponibili in una sezione diversa rispetto al resto del contenuto.


Le faccette(e come funzionano con la SEO)

Esistono diversi modi per creare le cosiddette faccette. Si dividono le categorie di contenuti in base a un attributo del contenuto o dei prodotti che vengono venduti. Questa tipologia di classificazione è molto utile per ecommerce che vendono moltissime tipologie di prodotti.  In ogni caso, progettare tassonomie in quest’ottica comporta il rischio di aumentare la probabilità di creare duplicazione di contenuto.

Suggerimenti:

  • Tenerli raggruppati per la migliore esperienza utente;
  • Assicurati che i tuoi attributi siano denominati in modo coerente;
  • Scenari in cui si chiama ADIDAS e un’altra Adidas (questo ha creato due opzioni di marca Adidas all’interno della selezione filtrata del marchio);
  • Crea diversi raggruppamenti a seconda della categoria;
  • Gli attributi per i filtri su Abbigliamento saranno diversi da Scarpe (se vendi entrambi sul tuo sito). Cerca di mantenere lo stesso per ogni elemento genitore o di primo livello in modo da ottimizzare l’esperienza utente;

I filtri possono anche causare alcune complicanze con l’ottimizzazione SEO di un e-commerce, ci sono alcuni modi per farli funzionare a tuo favore:

  • Genera URL di faccette che possono essere indicizzati per ricerche di parole chiave a lunga coda (bonus)!
  • Se quanto indicato sopra non può essere implementato, assicurati che i parametri utilizzati per modificare il contenuto della pagina siano bloccati dal file robots.txt e messi in disallow.
    Altrimenti, un elevato volume di combinazioni di URL filtrati può essere generato ed aggiunto nell’indice di ricerca. Questo può diventare molto problematico perchè il sistema genera contenuti duplicati.

Attività continuative

Ricerca parole chiave

È essenziale definire e scegliere come target le parole chiave giuste in modo che Google possa indirizzare gli acquirenti di navigazione direttamente al tuo sito web. Devi capire chi è il tuo mercato di riferimento, quali parole chiave stanno cercando, quale motore di ricerca usano e come puoi farlo.

Queste informazioni porteranno a un elenco di parole chiave strategicamente mirate da utilizzare nel tuo sito web e pianificare una strategia di content marketing vincente.

Approfondimenti:

Internal linking

Il collegamento interno e l’uso del testo di ancoraggio è ciò che i motori di ricerca utilizzano per determinare di cosa tratta il tuo sito. Utilizzando parole chiave mirate nel tuo testo e collegandole in modo strategico a prodotti simili, le categorie o le risorse pertinenti aiutano SEO e navigazione per i tuoi clienti.

Non c’è alcun problema ad utilizzare le parole chiave nel testo di ancoraggio, ma non esagerare perché Google potrebbe valutare la cosa come “eccessiva attività di ottimizzazione”.

L’internal linking rafforza il valore complessivo ottimizzato per la ricerca di un sito web. Il collegamento interno lo fa fornendo percorsi chiari per gli spider, sessioni prolungate per gli utenti e una fitta rete di pagine e post.

Studiare la concorrenza (da un punto di vista SEO)

  • Chi sono i tuoi attuali concorrenti a livello di ricerca su Google?
  • Quali parole chiave stanno usando?
  • Perché sono avanti nel gioco di classificazione delle pagine?
  • Come si sono classificati su Google?
  • Chi sta collegando al loro sito web?
  • La tua concorrenza usa il loro blog per sfruttare le parole chiave?

Per approfondimenti:

Rimuovere il contenuto duplicato

Conoscete quegli fastidiosi errori “Pagina non trovata” o “404” che vedete quando un collegamento o una pagina su un sito Web è rotto?

Questa è una trappola comune per i negozi online ed è importante rimuoverli in modo che Google non pensi di avere un sito web di scarsa qualità.

Screaming Frog è un ottimo strumento che esegue la scansione del tuo sito, ti avvisa di questi errori e rivela contenuti duplicati.

Se si dispone di molti contenuti duplicati, potrebbe essere necessario assumere uno sviluppatore o imparare a aggiungere reindirizzamenti e collegamenti canonici, oppure affidarsi ad un professionista.

Per approfondimenti:

Ottimizzazione SEO on-page

Lavorando sulle diverse aree elencate di seguito, puoi contribuire a influenzare il modo in cui i motori di ricerca comprendono il tuo sito web:

  • Tag di heading (H1, H2, H3…)
  • Contenuti descrittivi
  • Descrizioni delle schede prodotto
  • Nomenclature dei file imagine
  • Attributi “Alt” delle immagini
  • URL
  • Meta description e Rich Snippet(non come fattore di posizionamento ma come fattore di ottimizzazione CTR in SERP)
  • Internal linking

Assicurati di riportare tutte le leve commerciali all’interno delle pagine di vendita, parlare dei migliori brand (nel caso dei multimarca), parlare dei punti di forza dei prodotti, riportare informazioni su sconti, spedizioni(modalità e tempistiche) ed eventuali possibilità di reso.

Non sai come ottimizzare le schede prodotto del tuo fashion store? Ecco un’infografica che fa per te!

Ottimizzazione dell’immagine del prodotto

È importante che i nomi dei file di immagine e i tag ALT descrivano chiaramente l’immagine. I tag ALT aiutano Google ad associare parole alle immagini e, se nominate in modo appropriato, possono aiutare a migliorare le classifiche.

Assicurati che le tue immagini includano quanto segue:

  1. Assegna un nome alle immagini con nomi di file descrittivi ricchi di parole chiave, ad es. maglia-juve-home-2019.jpg evitando di includere spazi, caratteri maiuscolo o caratteri speciali.
  2. Evita di caricare immagini denominate ‘IMG06123123.jpeg‘ o ‘untitled_033.png’.
  3. Assegna un nome ai tuoi tag ALT con le parole chiave che descrivono il prodotto.

Ottimizzazione delle pagine di categoria

L’obiettivo principale della tua pagina di categoria è indirizzare le persone verso la parte più profonda del funnel di vendita, facendole visualizzare prodotti specifici e, infine, acquistare dal tuo negozio. La pagina di categoria categoria dovrebbe già consentire ai clienti di determinare se un prodotto a loro piace, è ciò che alla fine desiderano.

Le pagine di categoria sono simili alle sezioni di un grande magazzino e si presentano come pagine di “medio livello” in un sito web. Le pagine di categoria possono esistere all’interno di altre categorie, ad esempio “sottocategorie”, ad esempio:

  • dominio.com/abbigliamento-da-lavoro/
  • dominio.com/scarpe-antinfortunistiche.html
  • dominio.com/scarpe-donna/ballerine.html

Fai attenzione ad avere troppe pagine di categorie, in quanto possono facilmente diventare contenuti duplicati sul tuo sito.

Cosa deve contenere una pagina di categoria?

Se hai bisogno di capire come ottimizzare ulteriormente le tue pagine di eCommerce, dai un’occhiata a questo articolo:

Struttura e comportamento delle URL

Esempio (KO): una pagina del prodotto Scarpe Adidas Uomo Gazelle non deve apparire come questasito.com/abbigliamento-uomo/scarpe/adidas/scarpe-uomo-adidas-gazelle-123.html

Da un punto di vista SEO, si tratta di una struttura di cartelle superflua (attribuendo meno autorità sulle pagine più lontane dal dominio).

ESEMPIO OK

Invece, avrebbe senso averlo creato come: sito.com.com/prodotto/scarpe-uomo-adidas-gazelle-123.html

ESEMPIO (KO)

Questo è abbastanza intuitivo; assicurati che la pagina sia chiamata ciò che le persone stanno cercando e non qualcosa di ambiguo.

Altro “cattivo esempio” di URL piatti in cui i nomi delle pagine sono ambigui rispetto al contenuto (il contenuto è differenziato tramite il parametro id):

  • sito.com.com/magliette-da-donna?id=123
  • sito.com.com/magliette-da-donna?id=145
  • sito.com.com/magliette-da-donna?id=672

Ora se non riesci a vedere qual è la differenza con queste pagine; come dovrebbe un motore di ricerca distinguere e assegnare rilevanza (tutto il resto uguale)? Quale pagina dovrebbe classificare per il termine “magliette da donna”? Questa è un’esagerazione della denominazione di URL non ottimizzata per pagine simili (potrebbe essere peggio, almeno hanno usato una parola chiave dopo tutto).

Suggerimenti:

  • Scegli una struttura con parole chiave che disambiguino l’URL in modo che possa stare in piedi da sola ed essere chiaro all’utente che cosa troveranno al momento dell’ingresso, ed essere ciò che gli utenti cercano comunemente;
  • Utilizza una nomenclatura effettivamente utilizzata dal tuo pubblico;
  • Le URL non sono l’unico posto in cui puoi ottimizzare la tua pagina per la pertinenza delle parole chiave; quindi non farti prendere dal panico.

Pagine indice e pagine “tutti i prodotti”: cosa sono e a cosa servono?

Nella maggior parte dei siti di e-commerce, vedrai alcune varianti di una pagina “Shop All”. Abbiamo visto dove i siti creano una pagina di categoria che assomiglia più ad una homepage per quella categoria (banner, contenuto, ecc.) E un’altra versione della stessa categoria che è una pagina di elenco (sfoglia) di tutti i prodotti disponibili in quella categoria (dovrebbe vogliono semplicemente acquistare tutto e non navigare in una sottocategoria specifica).

Ora hai due pagine che hanno come target le stesse parole chiave e assortimento. In alcuni CMS ‘questo è inevitabile e dovresti avere una strategia in atto per come li userai o non li userò sul sito e nella tua gerarchia.

  • Quale pagina è ottimale per l’esperienza utente?
  • Quale pagina è ottimale per le conversioni (vendite)?
  • Quale pagina desideri che Google abbia nel suo indice?
  • Puoi combinare l’esperienza in una singola pagina (pagina di destinazione con una ricerca) piuttosto che duplicare la pagina?

Puoi certamente scegliere di avere la pagina di destinazione nella navigazione e noindex nella pagina “acquista tutto” o assicurarti che il “negozio tutto” sia ottimizzato in modo diverso in modo che non sia in concorrenza con la tua pagina principale.

Le pagine indice invece sono simili a delle pagine di tipo Site Map, dove al suo interno troviamo tutti i link che rimandano alle pagine di listato delle schede prodotto.

Queste pagine sono di alto valore, sono raggiungibili dalla homepage ed hanno il compito di trasmettere valore alle sotto pagine del sito, quindi categorie, prodotti, pagine tag.

Tenere aggiornate questo tipo di pagine permette di ottimizzare la velocità di indicizzazione perchè facciamo vedere al motore di ricerca che il sito è sempre aggiornato, se dobbiamo aggiungere una nuova categoria, questo è un modo per far vedere allo spider che è stata creata una nuova sezione del sito.

Ecco 2 esempi di pagine “indice”:

  • https://www.birredamanicomio.com/stili-birra-artigianale/
  • https://www.birredamanicomio.com/elenco-brand/

Ecommerce di abbigliamento e stagionalità

Questa è una tematica molto comune per gli ecommerce di abbigliamento, ovvero la gestione del cambio prodotti del magazzino durante il cambio di stagione o quando i prodotti devono essere visibili solo per un determinato periodo di tempo.

A seguire alcune best practies comuni da integrare alla strategia seo contninuativa del tuo negozio online di abbigliamento:

Keyword stagionali

E’ importante pianificare per tempo l’aggiornamento del set di parole chiave dedicato alle ricerche stagionali in modo tale che tu o il team SEO che segue il progetto ecommerce possa avere il tempo per mettere la testa ed implementare tutte le attività di ottimizzazione necessarie per far si che aumenti la probabilità di ottenere visibilità sui motori di ricerca per i contenuti stagionali nei vari periodi dell’anno. Cercate di metterci la testa almeno qualche mese prima del periodo stagionale da “aggredire”.

Per gli ecommerce di abbigliamento i periodi dell’anno più importanti sono:

  • Natale
  • San Valentino
  • Saldi Invernali
  • Saldi estivi
  • Black Friday
  • Cyber monday
  • AI – Autunno Inverno
  • PE – Primavera Estate

Ai e PE possono essere accompagnati da delle pre collezioni realizzate sempre a livello stagionale

Capsule collection – collezioni specifiche realizzare in determinati periodi dell’anno con determinati scopi di marketing e commerciali

Prodotti temporaneamente non disponibili

In questo caso non devi far nulla! Non eliminare, reindirizzare o sostituire la pagina. utilizza il layout della pagina per inviare un messaggio chiaro che il prodotto arriverà presto. Mostra i prodotti correlati o simili in modo da diminuire la frequenza di rimbalzo della pagina. Potresti anche inserire un form di contatto che possa avvisare il visitatore una volta che il prodotto è tornato disponibile.

Prodotti fuori magazzino

Come per i negozi fisici, anche i prodotti di un negozio online non possono rimanere a disposizione per sempre; arriva un momento in cui non sono più disponibili al pubblico, temporaneamente o in modo permanente. Ecco alcune best practies SEO per gestire i prodotti non disponibili

Prodotti fuori produzione

Se il prodotto è andato fuori produzione, suggeriamo di indirizzare se possibile, con redirect 301 a schede prodotto simili e pertinenti. In caso contrario, crea dei redirect 301 verso la categoria padre o alla pagina che a livello di topic si avvicina di più.

Alcuni gestori di e-commerce preferiscono eliminare la pagina e applicare il codice di stato 410 che notifica ai robot del motore di ricerca l’eliminazione della pagina. Ma, consiglio di usare il reindirizzamento.

Il Redirect 301 è un tag di reindirizzamento SEO friendly e permette(diversamente dal redirect 410) di trasmettere valore. Questo significa che se le pagine delle tue schede prodotto fuori produzione ricevono backlink, con il redirect 301 tutto il valore acquisito verrà bypassato alla pagina di destinazione 😉

Attività per ecommerce di alto livello

Monitoraggio eCommerce di Google Analytics

Nei paragrafi precedenti abbiamo scritto che Google Analytics è un ottimo modo per monitorare se i visitatori si convertono alle vendite e in che modo i clienti interagiscono con il tuo ecommerce.

Cosa puoi monitorare con enhanced ecommerce di Google Analytics?

  • Tassi di conversione
  • Numero di transazioni
  • Visualizzazione canalizzazione e-commerce
  • Valori medi dell’ordine
  • Entrate totali
  • Quantità di prodotto venduto
  • Visite alla transazione
  • Giorno alla transazione
  • Prezzo medio dei prodotti
  • Entrate per prodotto
  • Quantità di ciascun prodotto venduto
  • Numero di acquisti unici

Hai problemi nell’impostazione o nella comprensione del monitoraggio eCommerce per il tuo negozio di moda? Noi possiamo aiutarti

Markup dei dati strutturati

Puoi controllare il modo in cui i motori di ricerca interpretano i dati sul tuo sito web e come forniscono le tue informazioni nei risultati di ricerca.

Come? Aggiungendo il markup di schema.org ai microdati HTML. Se usato correttamente, il markup dello schema può aiutarti a rendere le tue inserzioni più accattivanti e attraenti, aiutandoti così a distinguerti dai concorrenti.

Esempi di implementazione: puoi controllare il messaggio qui e includere il prezzo, i marchi e le valutazioni dei prodotti.

Per approfondimenti sull’argomento ti rimandiamo al seguente articolo dedicato ai rich snippet per ecommerce:

Proteggi il tuo sito con HTTPS

Lo scorso anno, Google ha annunciato che avrebbe iniziato a utilizzare la crittografia di sicurezza HTTPS come segnale di ranking.

Se il tuo sito web non è protetto da HTTPS, vale la pena confrontarti con il tuo team SEO ed IT e chiedere di migrare il sito ad HTTPS.

Ottimizza la velocità delle principali pagine del processo di acquisto

Un sito web che richiede più di 3-5 secondi per caricare significa un’esperienza utente peggiore e una maggiore possibilità che qualcuno rimbalzi dalla tua pagina.

Assicurati che i contenuti del tuo negozio online siano veloci e facilmente fruibili dai principali dispositivi di navigazione(smartphone, tablet, pc ecc)

Di seguito alcuni strumenti freemium per analizzare le performance legate la velocità di caricamento dei contenuti:

Ecommerce di abbigliamento e BLOG interno: conviene?

I blog di moda possono avere un enorme numero di lettori e possono essere una miniera d’oro per il traffico e attrarre link al tuo sito web che altrimenti non sarebbero in grado di ottenere.

vantaggi di aggiungere un blog al tuo eCommerce di abbigliamento:

  • Costruisce la credibilità del tuo marchio
  • Crea più opportunità di condivisione dei social media
  • Facilità e semplicità nel promuovere i tuoi prodotti
  • Sviluppa una connessione più profonda con il pubblico
  • Maggiori opportunità di ottenere backlink in modo naturale
  • Aumenta le tue reti personali
  • Ottimo mezzo per attività di Digital PR
  • Piattaforma per condividere aggiornamenti, nuovi arrivi e personalità del marchio in modo più approfondito
  • Lavorare più facilmente sulla lunga coda e sulle varie fasi del processo di acquisto dei tuoi clienti.

Crea contenuti unici

Il primo passo per attirare link di qualità al tuo sito di moda è creare contenuti unici, memorabili e degni di nota.

Il contenuto del tuo sito include tutto, dalle descrizioni dei prodotti, ai video, ai post dei blog, alle recensioni degli utenti, ai link e ai titoli.

Se i tuoi contenuti non sono facilmente condivisibili, attirano la tua nicchia, sono informativi e strutturati in un formato piacevole, quindi è improbabile che le persone vorranno collegarti a te.

Ecco alcune domande che dovresti porti:

  • La tua copia del prodotto è descrittiva, utile e coinvolgente?
  • Un video prodotto sarebbe utile per le tue descrizioni?
  • C’è un chiaro invito all’azione per il cliente?
  • Sono visibili le recensioni dei prodotti dei clienti?
  • È condivisibile? Ci sono pulsanti di condivisione dei social media vicino all’immagine?

Attività offsite

Citazioni

Le citazioni sono fondamentalmente citazioni delle informazioni aziendali (nome, indirizzo, numero di telefono e sito Web) su Internet. Questa informazione è la base su come Google interpreta le informazioni sulla tua attività.

Se è diverso sul Web, Google può essere confuso, quindi cerca di mantenerlo coerente.

Nota: le citazioni sono importanti solo per i negozi di eCommerce di moda che hanno anche un negozio fisico. Se non si dispone di un indirizzo fisico, non è necessario!

Le citazioni possono essere trovate in Directory commerciali (incluse le Pagine Gialle) oppure nei Profili dei social media o nei comunicati stampa aziendali.

Suggerimento: secondo Moz.com, le citazioni sono un componente chiave dell’algoritmo di ranking in Google e Bing.

Se sei confuso su dove trovare le citazioni per il tuo negozio online e locale, dai un’occhiata alle seguenti guide per esplorare le opportunità di costruzione di una citazione.

Vuoi ottenere maggiori citazioni ma non sai come fare? Ecco alcuni link di approfondimento:

Interviste

Con tutti i fantastici contenuti, recensioni di prodotti e menzioni di blogger che hai generato sul tuo sito di moda, ora potresti costruire una interessante storia di pubbliche relazioni che puoi presentare a fonti di informazione, blogger o giornalisti.

Tutte le aziende, i marchi e le aziende hanno un punto di differenziazione, la sfida sta nel definire un angolo che sia attraente per i media della moda.

Porsi queste domande per pensare al motivo per cui qualcuno potrebbe voler mostrare il tuo sito Web o intervistarti:

  • In che modo il tuo sito web è diverso dagli altri negozi online?
  • Disponete di articoli esclusivi?
  • Hai una storia unica di come è iniziato il tuo sito web?
  • Che cosa è forte, impressionante o interessante riguardo la tua storia, i prodotti o lo staff?
  • La tua gamma supporta tendenze attuali o ne prevedi di nuove?
  • I prodotti che vendi sono etici, ecologici o realizzati localmente?

Cerca su Google pubblicazioni e blog di notizie di moda locali e nazionali che ritieni siano in linea con il tuo brand o che potrebbero essere interessati alla tua storia.

Blogger Outreach

Una volta che hai un sito web o un contenuto interessante sul tuo sito web interessante e valido al punto da poter essere condiviso, il passo successivo è quello di entrare in contatto con i blogger o i webmaster del tuo settore.

Quando pensi ai blogger con un pubblico di lettori, pensa agli influencer del consumatore per il marketing e i referral / backlink per SEO.

Entrambi possono essere potenti. Connettersi con i blogger con un forte seguito e chiedere una recensione del prodotto, un articolo in primo piano o un omaggio, può aiutare a espandere la portata del tuo sito web, presentare il tuo marchio a nuovi clienti e quindi migliorare le classifiche del tuo sito web.

Con il “boom dei blogger”, molte aziende stanno collaborando con i blogger per promuovere il loro business, i loro prodotti e il loro marchio – e dovresti farlo anche tu!

Collaborare con i blogger per promuovere il tuo negozio di moda online può essere un compito arduo. Quando scegli dei blogger, poniti seguenti domande:

  • Hanno lo stesso pubblico di destinazione?
  • Qual è la portata sociale e i lettori dei blogger?
  • Il loro contenuto è coinvolgente?
  • Hanno informazioni sulla collaborazione sul loro blog o sui profili dei social media? (A volte i blogger forniranno un indirizzo email separato, statistiche sui lettori e kit di partnership)
  • Quali sono le tue esigenze nei confronti dei blogger?
  • Sei disposto a fornire dei contenuti di valore? (Campione di abbigliamento, importo in dollari, promozione incrociata, commissione ecc.)
  • Hanno stabilito delle partnership in precedenza?
  • Come misurerai il successo di questa partnership?

Suggerimento: un ottimo modo per trovare blogger attivi nella tua nicchia è utilizzare la menzione o Google Alert. Puoi vedere quando e chi menziona i tuoi concorrenti e cosa dicono.

Link Building

Ottenere backlink di qualità da pagine simili o siti web di autorità può non solo esporre il tuo sito web a nuovi clienti, ma anche aumentare significativamente il posizionamento sui motori di ricerca e aiutarti a superare i concorrenti.

La creazione di link è estremamente utile e cruciale per qualsiasi sito di moda online, indipendentemente dal fatto che si utilizzi MagentoWordPress o Shopify.

Per approfondimenti:

Congratulazioni! Hai raggiunto la fine della nostra guida e-commerce per il settore abbigliamento/moda/fashion.

Ecco alcuni suggerimenti extra per portare il tuo sito di moda al livello successivo:

  • Condividi costantemente aggiornamenti e prodotti sui social media e sulla tua mailing list;
  • Usa le Breadcrumb per migliorare la navigazione dell’utente;
  • Assicurati che le tue informazioni di contatto siano altamente visibili;
  • Hanno valore visibile aggiunto per es. sconti, spedizione gratuita, consegna il giorno successivo ecc.;
  • Assicurati che il tuo sito web sia ottimizzato per i dispositivi mobili;
  • Costruisci una mailing list per guadagnare sugli utenti già acquisiti;
  • Chiedi a familiari, amici e utenti per un feedback sulla navigazione e funzionalità del sito web;
  • Usa i pop-up per far crescere la tua mailing list;
  • Affidati ad un team SEO competente per definire la migliore strategia di posizionamento organico sui motori di ricerca nel medio lungo periodo.

Articoli Consigliati

FOCUS MO

Dove Siamo

Sede Operativa: Via 8 Marzo 2 – Venezia – P.iva 04245770278

Redazione: info@focusmo.it

Iscriviti alla Newsletter