Nastro Azzurro Zero: on-air la campagna di lancio, firmata da Saatchi & Saatchi

 Nastro Azzurro Zero: on-air la campagna di lancio, firmata da Saatchi & Saatchi

Nastro Azzurro, la birra italiana premium più bevuta al mondo, entra nel segmento delle birre analcoliche, con una campagna in costume totalmente ironica, fuori dalle righe, dalle venature comedy e surreali.

Nella campagna TV, vediamo un sovrano di un regno fantastico la cui sete non riesce ad essere soddisfatta dai suoi sudditi reverenti, che si sforzano di proporgli bibite nuove ed insolite. Il re non è mai contento perché ha già assaggiato tutto quello che gli viene offerto.

Il re insoddisfatto e despota cambia la sua attitudine quando entra in scena, a bordo di un hoverboard, come un moderno deus ex machina, un ragazzo vestito in abiti cool e moderni, che stupisce la corte offrendo al re qualcosa mai assaggiato prima: una Nastro Azzurro Zero. Basta un sorso della nuova birra a zero alcol, ma con lo stesso gusto secco e rinfrescante di Nastro Azzurro, per soddisfare finalmente la sete del re.

I costumi dello spot TV, prodotto da Think Cattleya che vede la regia di Alessandro De Leo, sono stati realizzati da Massimo Cantini Parrini, candidato ai premi oscar 2021 con il film Pinocchio di Matteo Garrone.

Oltre alla creatività TV, in onda dal 6 giugno 2021, sono stati realizzati una serie di asset digital e social ad hoc per Instagram con protagonista il re della campagna, mentre lo vediamo annoiato e insoddisfatto alle prese con le solite bibite offerte dai delivery online. Anche in questo caso, sarà Nastro Azzurro Zero a soddisfare la sua sete di nuovo.

“Siamo molto soddisfatti di questa nuova campagna” dichiara Manuel Musilli, Direttore Creativo Esecutivo di Saatchi & Saatchi “perché insieme al team di Nastro Azzurro abbiamo dato vita ad un posizionamento che coniuga i valori di un brand premium come Nastro Azzurro con un linguaggio dissacrante che sarà sicuramente capace di farsi notare nel panorama delle birre analcoliche e non”.

Per la prima volta Nastro Azzurro investe su una produzione carbon negative. La casa di Produzione Think Cattleya, infatti, in tutte le fasi di pre-produzione e produzione, ha adottato EcoMuvi, il primo disciplinare europeo certificato per ottenere un impatto ambientale minimo sul set. Tra le soluzioni produttive adottate l’uso di risorse sostenibili, la gestione responsabile dei rifiuti e la riduzione dei consumi di energia elettrica e di carburanti nel trasporto e, a fine lavorazione, la compensazione delle emissioni di CO2.

La campagna è stata supportata da VA Consulting in partnership con Ebiquity in veste di Production Advisory.

Digiqole ad

Articoli correlati