Andamento negativo per tutti i principali broadcaster, da Mediaset alla Rai e Sky. Unica eccezione per Discovery e La7

Un 2019 da dimenticare sul fronte pubblicitario.

L’anno si è infatti chiuso per la televisione, con un fatturato advertising in diminuzione del 5,3% rispetto all’anno precedente.

Mediaset ha chiuso l’anno con un giro d’affari pubblicitario di 1,985 miliardi di euro, in calo dell’8,3% rispetto all’anno precedente. La società ha però precisato, che l’unico modo per valutare l’andamento della raccolta pubblicitaria in modo corretto è fare un confronto con il 2018 a perimetro omogeneo, quindi senza il contributo di importanti eventi sportivi presenti nel palinsesto Mediaset dello scorso anno, come la Champions League, il calcio pay e soprattutto i Mondiali di Calcio.

La Rai, ha visto la sua raccolta pubblicitaria scendere del 2,2% a quota 693,5 milioni circa.

Bilancio negativo anche per Sky Italia con una diminuzione dell’1,5% rispetto al 2018 per un totale di 491,4 milioni.

Solo Discovery aumenta il suo giro d’affari con un (+0,3%) con una raccolta di 258,3 milioni.

Performance infine in linea per La7: l’emittente ha chiuso l’anno con ricavi pubblicitari pari a quasi 169 milioni di euro, praticamente lo steso risultato del 2018 (-0,1%).