OCS acquisisce la fintech REDO e apre la nuova frontiera del consumer lending

 OCS acquisisce la fintech REDO e apre la nuova frontiera del consumer lending

Dall’acquisizione da parte di OCS della fintech REDO nasce la prima soluzione in Europa di micro credito al consumo interamente mobile, istantanea e compliant, che permette l’erogazione di nano-finanziamenti con periodi di rimborso brevi, grazie all’innovativa analisi della probabilità di rimborso da parte del richiedente calcolata utilizzando i dati alternativi dello smartphone di cui il cliente autorizza la condivisione, con strumenti di intelligenza artificiale, machine learning e reti neurali.

Una rivoluzione che risponde ai bisogni di immediatezza, ubiquità e affidabilità dei nuovi consumatori e che, al contempo, apre l’industria del credito alla possibilità di operare con efficienza nel segmento, ad altissimo potenziale di crescita, dei piccoli importi e grandi volumi. Un’opportunità che guarda anche alle nuove generazioni di nativi digitali che utilizzeranno esclusivamente device mobili per interagire nel mondo dei servizi finanziari e più in generale dei consumi.

Con questa operazione OCS fa un ulteriore passo nel percorso di trasformazione da software provider a Fintech Digital Partner, capace di portare innovazione nelle mani dei propri clienti – istituti finanziari e operatori del credito al consumo – permettendo loro di disegnare nuovi modelli di business ad alto potenziale.

In questo caso il modello, basato sulla soluzione REDO, white label e personalizzabile, rappresenta il completamento perfetto dell’offerta OCS di soluzioni “chiavi in mano” per la gestione del Buy-Now-Pay-Later, aggiungendovi la componente chiave di nano-lending istantaneo per accedere a micro-prestiti (fino a 500 euro) da restituire in un arco temporale tra i 60 e 180 giorni.

La soluzione si compone di una piattaforma modulare attivabile tramite app (a breve anche da web) che abilita l’affidabile processo di lending, garantendo l’erogazione del prestito in tempo reale.  Tramite l’app viene gestito l’on-boarding del cliente, il calcolo delle probabilità di restituzione (con algoritmi basati sulle citate tecnologie di frontiera che lavorano sulle informazioni del telefono), l’apertura di un conto di pagamento on line con la possibilità di associare opzionalmente una carta di debito virtuale, l’erogazione del prestito, l’incasso delle rate. La soluzione gestisce anche in modo completo i processi di KYC (know-your-customer) e AML (anti-money-laundering) grazie ad una rete di partner internazionali ed è pienamente compliant con le normative in materia bancaria, di trasparenza e di gestione della privacy.

Confermando le analisi realizzate a monte dell’operazione, la nuova offerta ha già riscosso grande interesse fra gli operatori finanziari Italiani ed esteri e a breve sarà rilasciata la prima integrazione live con le soluzioni di OCS. Solo in Italia il mercato potenziale si stima in circa 20 milioni di persone, inclusi soggetti non bancarizzati o che, pur avendo capacità di rimborso, sono penalizzati dall’assenza di una storia finanziaria. Nel 2020 il Fintech Lending, a livello globale, ha rappresentato un mercato di $310 bn con un’interazione da mobile consolidata e pervasiva.

La soluzione, affiancandosi all’Omnichannel Financing Platform (recentemente lanciata in collaborazione con la fintech inglese Divido che abilita modelli alternativi di consumer lending) completa l’offerta di OCS con un ulteriore tassello e conferma la capacità della società di contribuire all’evoluzione del settore in Italia e all’estero. Sono già stati avviati contatti con operatori del mercato Latino Americano per il lancio di REDO attraverso Talentomobile Latam, acquisita da OCS a inizio 2021, confermando la portata globale del progetto.

Il team di Redo che ha sviluppato l’originale e sofisticata soluzione – grazie alla sua esperienza imprenditoriale e tecnologica con competenze di alto livello nell’innovazione, Data Science e AI – ha affiancato la squadra OCS nella definizione della nuova offerta già integrata nella suite di prodotti che, con questa nuova proposta, oggi copre l’intero segmento del consumer finance, dai prestiti personali di importo rilevante, alla cessione del quinto (tradizionale e digitale) fino ai micro-finanziamenti istantanei via mobile.

Per OCS si tratta della quinta operazione straordinaria conclusa da inizio 2021, funzionale all’esecuzione della strategia alla base del piano industriale in corso, volta a consolidare il ruolo della Società quale player fintech di riferimento nell’evoluzione del consumer finance a livello internazionale.

Gianni Camisa, CEO di OCS, commenta: “Con questa operazione OCS chiude un anno straordinario che getta le basi per l’ulteriore crescita futura e la nascita di nuovi modelli di business per gli operatori del credito al consumo con ricadute molto positive sul grande pubblico, come conferma l’interesse dei nostri Clienti. L’ingresso in Redo, è particolarmente importante perché consente di portare agli utenti finali tutti i vantaggi di un credito emesso da solidi operatori di mercato attraverso una tecnologia disruptive come quella dell’AI applicata ai dati alternativi.  Siamo certi che solo le realtà che sapranno ripensare la propria offerta, integrando soluzioni digitali costruite intorno ai nuovi bisogni del consumatore, rimarranno competitive sul mercato; la nostra missione è abilitare questa transizione offrendo soluzioni innovative e performanti.  Nei primi undici mesi del 2021 OCS cresce di oltre il 10% a perimetro costante e di oltre il 40% con il contributo delle acquisizioni: puntiamo a confermare questi trend sull’intero esercizio, mantenendo l’alto livello di generazione di cassa per sostenere gli investimenti previsti dal Piano Strategico”. 

Diego Mortillaro, imprenditore con un consolidato track record nello start up di realtà innovative in diversi settori, founder e CEO di Redo, aggiunge: L’incontro con OCS ci permette di portare la nostra originale soluzione nelle mani degli operatori del credito tradizionale, aprendo così un mondo inclusivo per i consumatori finali dove la possibilità di accedere finalmente a micro prestiti in modo istantaneo, semplice e tramite lo strumento più utilizzato da chiunque al mondo – lo smartphone – diventa reale e garantita dalla solidità degli attori coinvolti. Siamo orgogliosi del fatto che il nostro modello possa contribuire a innovare il settore e, soprattutto, ad aprire la porta d’accesso al credito per bisogni e pubblico che fino ad oggi non avrebbero potuto trovare una risposta efficiente”.

Digiqole ad

Articoli correlati