È arrivato il momento del debutto dell’app di contact tracing Immuni. Di cosa si tratta, come funziona, come vengono gestiti i dati? Cerchiamo di fare chiarezza. È una piattaforma che permette di usare le informazioni pertinenti gli spostamenti e i contatti tra cittadini, basata su un sistema realizzato da Apple e Google.

Il cittadino non è obbligato a installare l’app, è una scelta personale. Il software è realizzato, per conto del Governo Italiano, dalla società milanese Bending Spoons. I server a cui fa riferimento sono gestiti dallo Stato. L’utilizzo sarà limitato, in un primo momento, ai cittadini di quattro Regioni: Liguria, Puglia, Marche e Abruzzo.

L’avvio della sperimentazione scatterà mercoledì 3 giugno. Se il cittadino entra in contatto con un positivo, l’app fornisce una notifica con i dettagli del contatto e indicazioni utili.